Rivoluzione nei cieli, il jet ipersonico di Boeing porterà da New York a Tokyo in due ore

L’aereo potrebbe viaggiare a Mach Five, ovvero cinque volte la velocità del suono. Il problema sono i costi altissimi che limitano l’accessibilità

Il jet ipersonico di Boeing porterà da New York a Tokyo in due ore

Un volo può essere veloce o anche, tra due o tre decenni, ipersonico. Il 26 giugno Boeing ha presentato il suo primo concept design per un nuovo jet passeggeri durante la conferenza dell'American Institute of Aeronautics and Astronautics ad Atlanta.

NY-Tokyo in 2 ore

L’aereo potrebbe viaggiare a Mach Five, o cinque volte la velocità del suono (6.174 kmh / 3.836 mph). Il che significa che un volo tra New York e Tokyo scenderà da 14 a 2 ore di volo. Il jet ipersonico utilizza un tipo specifico di motore noto come ramjet e, in virtù del design front-end affilato, potrebbe produrre una resistenza minima, mentre la sua coda divisa aiuterebbe a stabilizzare e pilotare il velivolo.

Costi alti

Per Boeing non è una novità assoluta, dal momento che ha già fatto volare aerei a velocità ipersonica, come il Boeing X-51 Waverider. Il problema, quindi, non è tanto la costruzione in quanto tale, ma l’accessibilità. I costi, altissimi, potrebbero scendere nell’arco di 15-20 anni.

Altro progetto

Tuttavia, non c’è solo la multinazionale statunitense. Nel giugno 2017 Lockheed Martin, insieme alla Nasa, ha annunciato l'intenzione di iniziare lo sviluppo sull'SR-72, un mezzo militare ipersonico, anche se non sarà probabilmente in volo prima del 2030.

Muro del suono

Un’altra scommessa è il rumore. L'obiettivo è superare il muro del suono senza produrre il caratteristico "bang". L'idea è quella di evitare ciò che è successo in Lombardia lo scorso marzo, quando due velivoli militari hanno provocato due boom sonici, mettendo in agitazione la popolazione di mezza regione.

Fonte

Articoli correlati

Cnn

Nuovi problemi per il Boeing 737 Max

Ancora guai per Boeing e il suo 737 Max, il velivolo coinvolto negli incidenti in Etiopia e Indonesia. Nel sistema informatico del Boeing 737 Max è stato scoperto un nuovo difetto che potrebbe spingere l'aereo in picchiata. La notizia è stata confermata dalla FAA, la Federal Aviation Administration, che ha parlato di "rischio potenziale" per il velivolo precisando che "toglieremo il divieto di volo per quegli aerei quando riterremo che sia sicuro farlo". [continua ]

Mobilità

Boeing taglia 12.000 dipendenti negli Usa. A breve “altre migliaia di licenziamenti"

La società aeronautica statunitense Boeing ha annunciato il taglio di 12 mila dipendenti negli Stati Uniti. In 6.770 saranno licenziamenti, per tentare di uscire dalla crisi causata dall’epidemia da coronavirus, mentre altri 5.520 hanno deciso di lasciare volontariamente il proprio lavoro, dopo che l’azienda ha offerto loro alcuni incentivi economici. [continua ]

Jobs & Skills

Florida, Boeing 737 fuori pista finisce in un fiume

Non c’è pace per il colosso americano dei cieli. Un Boeing 737 finisce fuori pista a Jacksonville, in Florida. I passeggeri e l'equipaggio sono tutti vivi nonostante l'aereo abbia concluso la propria corsa nel fiume limitrofo, il St. Johns River. L'aereo proveniva da Guantanamo (Cuba), dove si trovano le prigioni nelle quali sono stati detenuti i terroristi di Al Qaeda (l’ex presidente Obama aveva promesso all’inizio del suo mandato di chiudere il centro di detenzione senza poi riuscire nel suo intento). [continua ]

Mobilità
Boeing taglia del 19% la produzione del 737 Max

Bbc

Boeing taglia del 19% la produzione del 737 Max

Mobilità
Boeing pronta a vendere l’azienda ai suoi 161.000 dipendenti

Boeing pronta a vendere l’azienda ai suoi 161.000 dipendenti

Corporate
Boeing 737 Max 8, atterraggio di emergenza in Florida

quoted business

Boeing 737 Max 8, atterraggio di emergenza in Florida

Mobilità

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com