Auto, ecotassa: come funziona negli altri paesi europei

Auto, ecotassa: come funziona negli altri paesi

È entrata in vigore l’ecotassa: prevede incentivi per le auto elettriche e un bonus/malus all’acquisto legato alle emissioni di anidride carbonica. Ma cosa accade negli altri paesi europei? Un’imposta sull’acquisto o sulla circolazione calcolata in proporzione alle emissioni di CO2 e, quindi, anche al consumo di carburante, esiste in tutti i maggiori paesi dell’Ue tra i quali Germania, Francia e Regno Unito.

In Francia è prevista una tassa sull’acquisto, mentre il bollo annuo colpisce soltanto i veicoli che hanno emissioni elevate. In Germania il bollo è proporzionale alle emissioni e alla cilindrata. Nel Regno Unito vige una tassa all’acquisto, basata sull’anidride carbonica, ma dal secondo anno in poi i proprietari pagano un ammontare fisso (con un lieve sconto per i veicoli ibridi, mentre quelli elettrici sono esenti). In Italia la tassa di circolazione annuale è calcolata in base alla potenza dell’auto, con aliquote diverse per regione; le auto elettriche sono esenti dal bollo per cinque anni e in alcune regioni quelle ibride godono di esenzioni.

Se l’obiettivo è la lotta al cambiamento climatico, la tassazione delle vetture in proporzione alle emissioni di CO2 sembra andare nella direzione giusta: aumenta il carico su quelle con motori a benzina e diesel, favorendo le elettriche e le ibride come avviene già in Francia e Germania. Rispetto alla tassa francese, il meccanismo proposto in Italia è più severo per la fascia di emissioni media (da 111 a 130 g/km) e più generoso con gli ibridi. Ma i soli veicoli a zero emissioni sono quelli elettrici e nulla vieta di incassare il bonus e viaggiare poi solo a benzina.

Occorre, inoltre, considerare che le auto a gasolio hanno consumi inferiori rispetto a quelle a benzina ed emettono, pertanto, meno CO2, ma il motore diesel produce più particolato e ossidi di azoto (NOX). Il problema del particolato è stato affrontato con i filtri, mentre i motori diesel più recenti (Euro 6 d-Temp) hanno ottenuto in condizioni reali valori di emissioni vicini a quelli dei propulsori a benzina.

Il problema è che fra i grandi mercati europei, l’Italia è quello più indietro sull’elettrificazione. E se l’auto elettrica dovesse decollare in tempi brevi, il rischio è di ritrovarsi con un parco auto più vecchio e inquinante rispetto ai principali paesi europei e con una filiera industriale impoverita.

Fonte

Articoli correlati

Si riduce la povertà in Italia: 8,4%

quoted business

Si riduce la povertà in Italia: 8,4%. Ma Germania (3,4), Francia (4,7) e Regno Unito (4,6) restano lontane

Ue
Economia

Debito/Pil: Italia 132,2%, Francia 98,4, Spagna 97,1, Germania 60,9

Nel 2018 il debito italiano è salito al 132,2% del Pil dal 131,4% del 2017. Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017. Lo comunica Eurostat nella sua prima notifica dei dati definitivi del 2018. Il debito resta il secondo più elevato dell'Ue dopo la Grecia (181,1%). Le ultime previsioni economiche Ue, pubblicate a novembre scorso, davano quello del 2018 a 131,1%, e il deficit a 1,9%. [continua ]

Ue
Finanza pubblica
Crollano i salari: persi 1000 euro in 7 anni. In Germania e Francia salgono

Crollano i salari: persi 1000 euro in 7 anni. In Germania e Francia sono aumentati

Ue
Jobs & Skills
Francia e Germania, servono nuove regole per l’industria europea

quoted business

Francia e Germania, servono nuove regole per l’industria europea

Ue
Economia

Francia, Germania e Regno Unito: aggirate le sanzioni Usa contro Teheran

Instex (Instrument In Support Of Trade Exchanges). Si chiama così lo strumento annunciato dall'Ue il 31 gennaio, che dovrebbe permettere alle imprese comunitarie di continuare a lavorare con l'Iran senza violare le sanzioni statunitensi. Come ha spiegato il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, “sarà un'Istituzione europea, totalmente indipendente, che non avrà alcun legame con la moneta statunitense”. Funge, in pratica, da intermediario tra aziende e Iran. [continua ]

Global
Scende il rischio di povertà in Francia e Germania, ma aumenta in Italia

Scende il rischio di povertà in Francia e Germania, ma aumenta in Italia

Ue
Finanza pubblica

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com