Conte: “Non lascio la politica a fine mandato”

Il premier: “Non mi ritraggo e non mi disinteresserò della politica”

Conte: “Non lascio la politica a fine mandato”
Il premier Giuseppe Conte

“Dopo questo mio intenso coinvolgimento, non vedo un futuro senza politica”. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, parlando con Repubblica annuncia un impegno a lungo termine.

Il premier precisa di pensare “al presente e non al mio futuro”, perché “iniziare a ragionare sul proprio futuro quando si ha un incarico così rilevante rischia di creare una falsa e distorta prospettiva, come un tarlo che finisce per distrarre o peggio per condizionare le scelte e le decisioni che si è chiamati ad assumere”.

Poi dice: “Non mi vedo novello Cincinnato che mi ritraggo e mi disinteresso della politica”. Ma spiega: “Ci sono mille modi per partecipare alla vita politica e dare un contributo al proprio paese”.

Infine, per rassicurare i partner della coalizione, ribadisce: “Qualsiasi contributo mi troverò a dare sarà comunque in linea con la mia inclinazione che sabato ho esplicitato: sono un costruttore, non sono divisivo”.

Fonte

Articoli correlati

Secondo quoted business
Il governo guidato da Giuseppe Conte è in carica

quoted business

Il governo guidato da Giuseppe Conte è in carica

Strategie & Regole
La Consulta boccia il referendum: “Eccessivamente manipolativo”

La Consulta boccia il referendum: “Eccessivamente manipolativo”

Strategie & Regole

quoted business

Mattarella: “Dobbiamo avere più fiducia in noi stessi. E più spazio ai giovani”

Un invito al Paese ad avere più fiducia in se stessi, nei propri talenti, facendo leva sull’identità italiana, “sinonimo di sapienza, genio, armonia”, perché nel mondo “vi è una diffusa domanda di Italia”. Allo stesso tempo un appello alla coesione sociale, perché usciremo dalla crisi se tutti gli attori faranno la loro parte. E infine, “occorre investire molto sui giovani, per evitare l’esodo verso l’estero. Servono, però “occasioni di lavoro correttamente retribuite”. [continua ]

Strategie & Regole

2 ministri al posto di Fioramonti: Azzolina alla scuola, Manfredi all’Università e Ricerca

Lucia Azzolina è la nuova ministra della Scuola dopo le dimissioni di Lorenzo Fioramonti. Gaetano Manfredi, presidente della Conferenza dei rettori, va all’Università e alla Ricerca: lo ha annunciato Giuseppe Conte in conferenza stampa. Azzolina, dirigente scolastico, è attualmente sottosegretario alla Scuola in quota M5s. Gaetano Manfredi è rettore dell’Università Federico II di Napoli. [continua ]

Strategie & Regole

Il governo perde un pezzo. Fioramonti si dimette: “Pochi fondi per l’istruzione”

Il governo continua a fibrillare anche tra Natale e Santo Stefano. Questa volta però è successo qualcosa in più: sono arrivate, la sera del 25, le dimissioni di un ministro. Il capo del dicastero dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, ha consegnato la lettera al premier Conte. Da alcuni giorni circolavano rumor sull’addio del responsabile dell’Istruzione: erano legati all’approvazione della manovra e al mancato stanziamento dei fondi attesi, appunto, per l’Istruzione. [continua ]

Strategie & Regole
Tra Conte e Di Maio è gelo. Ora la crisi è un rischio vero

quoted business

Conte attacca Salvini. E scende il gelo con Di Maio. Ora la crisi è un rischio vero

Strategie & Regole

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com