Fase 2, Boccia alle Regioni: “Dal 18 maggio scelte differenziate in base ai contagi”

Ma il ministro degli Affari regionali avverte: “Ordinanze coerenti o ci sarà una diffida”

Boccia alle Regioni: “Dal 18 maggio scelte differenziate in base ai contagi
Francesco Boccia

“Propongo un metodo: ordinanze regionali coerenti con il Dpcm - ha detto il ministro degli Affari regionali, Francesco Boccia -. Se ci sono ordinanze non coerenti invio una diffida, una lettera con la scheda indicando le parti incoerenti e la richiesta di rimuoverle (solo in caso di allentamento delle misure). Se non avviene sono costretto a ricorrere all’impugnativa al Tar o alla Consulta”.

Ma Boccia offre anche un’apertura. “In base al monitoraggio delle prossime settimane ci potranno essere dal 18 maggio scelte differenziate tra le Regioni sulle riaperture di attività: il principio è contagi giù uguale più aperture e viceversa”.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com