Il vento dell’eolico non soffia più

In dieci anni un crollo del 76%. Pesano la burocrazia e il movimento nimby (not In my back yard). Ma il ministro della transizione ecologica Roberto Cingolani dice: “Via la burocrazia, ripartiamo da sole e vento”

Il vento dell’eolico non soffia più

Ci sono numeri che spiegano bene un fatto economico. È il caso del settore eolico in Italia. Nel periodo compreso tra il 2012 e il 2014, nel momento della grande crescita del settore, in Italia sono stati autorizzati 2.463 megawatt di potenza installata per un totale di 114 nuovi impianti.

Nel triennio successivo, dal 2015 al 2017, le autorizzazioni sono scese a 1.186 megawatt per 62 impianti. Per arrivare al periodo più vicino a noi, dal 2018 al 2020, che ha visto il trend proseguire. Nel complesso, in dieci anni c’è stato un crollo del 76%.

Ma il ministro della transizione ecologica Roberto Cingolani sembra negare questi numeri e dice: “Via la burocrazia, ripartiamo da sole e vento. Per il Governo il Pnrr non sarà solo un piano post pandemia, ma vuole gettare le basi per il futuro del Paese e delle prossime generazioni. Il gas verrà usato solo per stabilizzare la rete elettrica. Rinnovabili al 70% entro il 2030, ma per l'idrogeno è ancora presto”.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com