L’ancora di salvataggio per l’Ue sarà il vaccino Sputnik V?

Il Fondo sovrano russo (Rdif) ha annunciato che gli accordi di produzione per il vaccino Sputnik V contro il Covid-19 sono stati raggiunti “con aziende in Italia, Spagna, Francia e Germania”. Senza coinvolgere il governo italiano

L’ancora di salvataggio per l’Ue sarà lo Sputnik V?

L’Ue potrebbe alla fine cedere allo Sputnik V, il vaccino russo finora respinto per ragioni mediche (manca l’approvazione dell’Ema) ma anche politiche. Lo riporta Reuters citando fonti Ue secondo cui gli Stati dell’Unione stanno prendendo in considerazione l’avvio di colloqui con gli sviluppatori dello Sputnik V. Per avviare formalmente il processo sono necessarie le richieste da quattro Paesi membri.

L’Ungheria e la Slovacchia hanno già acquistato lo dosi russe, la Repubblica Ceca è interessata a farlo e l’Italia sta valutando la possibilità di utilizzare il bioreattore di uno stabilimento ReiThera (che è al 30% di proprietà dello Stato) per produrre lo Sputnik V.

Intanto, il Fondo sovrano russo ha annunciato che gli accordi di produzione per il vaccino Sputnik V contro il Covid-19 sono stati raggiunti “con aziende in Italia, Spagna, Francia e Germania”, in attesa della sua approvazione nell’Ue.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

quoted business

A giugno, per la prima volta nella storia, i paesi dell’Ue hanno importato più gas naturale liquefatto dagli Usa che dalla Russia

Gazprom: stop al gasdotto Nord Stream per 10 giorni [continua ]

Energie & Risorse

La Cina potrebbe fare con il resto del mondo quello che la Russia sta facendo contro l’Europa

Pechino detiene il 93% delle scorte mondiali di rame, il 74% di quelle di alluminio, il 68% di quelle di mais e il 51% di quelle di frumento. Eppure l’attività estrattiva in Cina è limitata. Come si spiega allora questo dominio? [continua ]

Energie & Risorse

La variante Delta cresce ovunque. Dagli Usa a Israele, dall’Europa alla Russia

La Banca centrale europea: “La ripresa si rafforza. Ma sale l’incertezza dalle varianti”. Un numero crescente di governi si ritrova costretto a posticipare le riaperture e in alcuni casi a reintrodurre limiti agli spostamenti. In Israele tornano le mascherine al chiuso. [continua ]

Life
quoted business

Lavrov: “La terza guerra mondiale è un pericolo reale”. Blinken: “Indebolire la Russia per evitare altri conflitti”

Il ministro degli Esteri russo: “Consegnando le armi all’Ucraina la Nato è entrata de-facto in una guerra per procura con la Russia”. Il suo omologo statunitense: “Non sappiamo come proseguirà questa guerra, ma sappiamo che ci sarà una Ucraina sovrana e indipendente molto più a lungo del periodo in cui Vladimir Putin rimarrà in scena”. [continua ]

Global
Acqua, siamo alla canna del gas. Ma in questo caso la Russia non c’entra

Acqua, siamo alla canna del gas. Ma in questo caso la Russia non c’entra

Energie & Risorse
Crolla il Pil della Russia. Ma anche quello globale
quoted business

Crolla il Pil della Russia. Ma anche quello globale

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com