Quando Visco definisce le banche ‘beni pubblici’ ha ragione?

Il governatore della Banca d’Italia nei giorni scorsi ha parlato delle banche come di ‘beni pubblici’. Un grave errore da parte di Visco che invece nei suoi interventi è estremamente puntuale e rigoroso, quasi sempre

Quando Visco definisce le banche ‘beni pubblici’ ha ragione?
Ignazio Visco, governatore di Bankitalia

Parlando nei giorni scorsi dei fallimenti bancari, Ignazio Visco ha difeso l’idea della banca come “bene pubblico”. “L’idea che una banca in crisi non è un bene pubblico non mi piace – ha spiegato il governatore della Banca d’Italia -. Ho sempre detto che se una banca fallisce il giorno dopo fallisce quella accanto, se fallisce il supermercato non è detto che fallisca quello accanto, anzi, è probabile che qualcuno prenda il posto di quel supermercato.”

Gli interventi di Visco sono normalmente, oltreché interessanti, puntuali e rigorosi. Ma questa volta dimostra di non aver compreso appieno il concetto di ‘bene pubblico’. Proviamo a dimostrare il perché.

Il bene pubblico è dotato di due caratteristiche: la non rivalità e la non escludibilità. La prima indica la circostanza in cui l’uso di un bene da parte di un agente non incide sulla facoltà di goderne completamente da parte di terzi. La seconda rappresenta invece l’impossibilità di estromettere terzi dal consumo di un determinato bene. È, dunque, un bene pubblico puro, per es., un faro costiero o la difesa nazionale.

Agli antipodi dei beni pubblici si trovano i beni privati puri, rivali ed escludibili per loro natura: rivali perché il consumo da parte di un soggetto rende il bene indisponibile per un secondo potenziale consumatore; escludibili perché ne può essere limitato l’uso, per es., attraverso il meccanismo dei prezzi, o per legge.

L’importanza che la letteratura attribuisce ai beni pubblici è data dal fatto che, in loro presenza, si osserva un fallimento del mercato. In particolare, il meccanismo dei prezzi non riesce a determinare i corretti incentivi, né per la costituzione di un livello efficiente di bene pubblico né per il suo finanziamento.

La creazione di questi beni apporta un beneficio non solo al loro produttore, ma anche alla collettività che può usufruirne liberamente. Si parla, in questo caso, di esternalità al cui effetto è collegato, il rischio di sottrarre l’incentivo a produrre il bene in questione.

Ecco, perché, le banche, imprese private di estrema rilevanza praticamente in tutti i sistemi economici, non sono certamente un ‘bene pubblico’.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com