Le banche cambiano pelle. Sempre meno credito e più prodotti finanziari

Oltre la metà dei ricavi deriva da commissioni, mentre si riduce la quota di proventi legati ai finanziamenti per imprese e famiglie

Le banche cambiano pelle. Sempre meno credito e più prodotti finanziari

Meno finanziamenti a famiglie e aziende, più prodotti finanziari. Ecco la nuova pelle delle banche e del loro modo di far business. È quanto emerge dall’analisi della Fabi, il sindacato autonomo dei bancari italiani, che parla di un allargamento vistoso della forbice tra i due principali ambiti di attività del settore bancario italiano, con le agenzie ormai sempre più simili a negozi finanziari.

Una evidente ritirata dal credito e obiettivo puntato sui prodotti finanziari: si allarga vistosamente la forbice tra i due principali ambiti di attività del settore bancario italiano, con le agenzie ormai sempre più simili a negozi finanziari.

L’anno scorso - evidenzia la ricerca - sul totale di 82 miliardi di euro di ricavi, quelli legati alle commissioni hanno raggiunto il 53,6% (pari a 44 mld) del totale, rispetto al 46,4% (38 mld) dei proventi riconducibili ai finanziamenti concessi a imprese e famiglie.

Nel 2020, il distacco era stato inferiore a un punto percentuale (50,4% contro 49,6%): 39,5 mld contro 38,7 mld. Il divario tra commissioni e prestiti è passato, in soli 12 mesi, da 688 milioni a 5,8 mld. In termini percentuali, il distacco è passato da meno di un punto a oltre 8 punti percentuali.

Questa dinamica va in realtà avanti già da un po’: negli ultimi 11 anni l’intero circuito bancario italiano ha bruciato più di 15 mld di quella parte di fatturato legato ai prestiti (margine d’interesse) a beneficio degli altri ricavi.

Le banche, ormai, “stanno rinunciando a fare credito e questo dipende principalmente dal fatto che i prestiti rappresentano un’attività poco profittevole e sempre più complessa. Insomma, molti costi e tanti rischi, ma poca redditività”, spiega il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

Crediti deteriorati

L'andamento dei crediti deteriorati dal 2005 al 2020 in Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna in rapporto al totale dei crediti erogati

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com