Cambiamo la PA per cambiare il Paese

Ancora di più della redazione del Recovery Plan, che resta comunque un elemento chiave per l’ottenimento delle risorse previste dal Recovery Fund, il fattore che determinerà l’esito dei progetti attuati è la Pubblica amministrazione centrale e, soprattutto, locale

Cambiamo la PA per cambiare il Paese

Lavorare per la pubblica amministrazione dovrebbe essere un privilegio. In effetti nel nostro Paese molti lo intendono così il posto di lavoro nel settore pubblico. Ma non per una particolare empatia verso la ‘cosa pubblica’, quanto per la (quasi) certezza di non poter essere licenziati. E, a parte questo aspetto, sono in pochi a vantarsi di mettere a disposizione le proprie competenze per l’interesse di tutti. Il risultato è che le cosiddette menti migliori difficilmente si avvicinano al settore pubblico. Quindi cosa fare?

Innanzitutto, sarebbe necessario aumentare i salari (che al contrario sono nettamente inferiori a quelli erogati mediamente dal settore privato) soprattutto per le posizioni medio-basse.

Altrettanto importante sarebbe parificare (anche nella sostanza e non solo nella forma prevista dalle norme) la disciplina del licenziamento a quello del settore privato.

Importante poi sarebbe responsabilizzare i dirigenti. Attualmente il sistema funziona spesso in questo modo: le competenze laddove presenti sono applicate nelle posizioni sbagliate (l’architetto che fa il contabile, ecc.) e i dipendenti valorosi sono soggetti a rilevanti carichi di lavoro, mentre i fannulloni (spesso forzosamente cooptati nella pubblica amministrazione senza averne alcun merito) sono perlopiù lasciati in un limbo (non gli viene chiesto alcunché dai dirigenti forse nel timore di subire qualche forma di conseguenza). Occorre invece che i dirigenti siano responsabili anche per coloro che non sono sufficientemente produttivi.

Non si tratta ovviamente di militarizzare la PA, semplicemente di metterci un po’ più di serietà e professionalità.

Così come importante sarebbe aumentare le risorse (non solo per elevare le retribuzioni) materiali e immateriali destinate al settore pubblico, che al contrario sono state radicalmente tagliate.

Si potrebbe ripartire da queste poche semplici mosse per ripristinare un ordine di valori che sarebbe forse più corretto: lavorare per la PA dovrebbe essere un vanto, soprattutto perché si presta il proprio impegno al fine di assicurare un buon funzionamento dello Stato. A beneficio di tutti. E nell’interesse di tutti.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com