Quando una ‘coppia di silicio’ si intende meglio di alcune coppie in carne e ossa

Nei robot si accende la prima scintilla dell’empatia. Una macchina per la prima volta riesce a prevedere le intenzioni di un'altra semplicemente osservandola. Finora solo gli umani erano stati in grado di anticipare le azioni altrui mettendosi nei loro panni

Se una ‘coppia di silicio’ si intende meglio di alcune coppie ‘umane’

Un esperimento condotto alla Columbia University di New York dimostra che anche nelle macchine è possibile accendere una scintilla di empatia.

Una ‘coppia di silicio’ aveva l’obiettivo di raggiungere delle macchie verdi disposte su un tavolo, simbolo del cibo. Uno dei due robot si trovava in alto e poteva spaziare con lo sguardo su un tavolo. L’altro si muoveva direttamente sul tavolo, ma alcuni ostacoli bloccavano il suo sguardo.

Il robot osservatore riusciva a capire quando il suo compagno non aveva la possibilità di raggiungere il cibo. In oltre il 98% dei casi ha previsto i suoi movimenti, semplicemente osservando le difficoltà del suo compagno per circa due ore.

Il risultato indica che anche i robot sono in grado di mettersi nei panni degli altri, di capire il loro stato d’animo, di considerare quali sono le informazioni in loro possesso e di anticiparne i comportamenti futuri. Una delle caratteristiche della cosiddetta ‘teoria della mente’, propria degli esseri umani.

In futuro i robot capaci di provare empatia potrebbero imparare a interagire meglio fra loro e con l’uomo, ad esempio assistendo persone disabili o cooperando come una squadra.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com