Un Paese che resta ostaggio di tassisti e balneari

Salta il cumulo delle licenze che era nella prima bozza della riforma voluta dal governo. Resta la possibilità di aumentarle del 20 per cento, ma a decidere saranno i Comuni

Un Paese che resta ostaggio di tassisti e balneari

È stata sufficiente la minaccia di sciopero dei tassisti per far tornare il governo sui propri passi. Anche l’esecutivo Meloni, al pari di tutti quelli precedenti, non è riuscito (per ora) a spezzare il monopolio delle auto bianche. Pure il cumulo delle licenze è sparito dalla versione definitiva del decreto Asset.

Non sono tuttavia escluse modifiche a settembre, quando inizierà l’iter per la conversione in legge. Qual è la paura degli autisti? La proliferazione delle licenze che potrebbero poi essere vendute, anche a multinazionali, come Uber, abbassando il valore di mercato delle stesse autorizzazioni (in realtà, il costo reale di queste ultime è secondo alcuni ammortizzato con un elevato di ‘nero’).

Ad ogni modo, se da un lato rompere il monopolio dei tassisti nostrani appare ormai una necessità in Italia (visto anche l’evidente sottodimensionamento dell’offerta rispetto alla domanda), dall’altro esiste il rischio di passare da un oligopolio a un monopolio lasciando il mercato a qualche multinazionale (un discorso simile può farsi per concessioni balneari).

Tornando ai taxi, non si fa più cenno nemmeno alle licenze stagionali per 12 mesi più altri 12 per far fronte ad eventi come Giubileo 2025 e Olimpiadi Milano-Cortina 2026.

Meglio (secondo il governo) la doppia guida (sebbene l’esperimento già compiuto a Milano non sembra aver sortito effetti concreti), possibilità che è rimasta nel decreto con una procedura semplificata: basterà fare una comunicazione al Comune per concedere il volante del proprio mezzo ad un altro autista per un secondo turno.

E poi, sempre i Comuni metropolitani, i capoluoghi di regione e le città sede di aeroporti internazionali potranno rilasciare il 20 per cento di licenze in più con procedura semplificata che prevede solo il parere dell’Autorità dei trasporti entro i 15 giorni.

Altra norma corretta rispetto alla bozza iniziale, dove era stato inserito che le licenze devono essere “rilasciate a titolo oneroso sulla base del valore di mercato delle licenze”. Un cambio che non farà piacere agli autisti (una lobby che può ‘offrire’ un ampio bacino elettorale) che auspicavano, rispetto alla riforma Bersani, che lascia ai Comuni la possibilità di rilasciare licenze gratuite o onerose, una chiara indicazione sulle autorizzazioni a pagamento.

I tassisti possono comunque consolarsi con il fatto che non è previsto alcun giro di vite in merito al pagamento elettronico. Circostanza che rende di fatto ignoto gli incassi effettivi. Ma questa è un’altra storia.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

qb local
Bologna va a 30 km/h. Rallentare le auto per dare più spazio alle persone

Bologna va a 30 all’ora. Rallentare le auto per dare più spazio alle persone

Mobilità
Frase del giorno - Parole
quoted business

Giorgetti sostiene che ‘l’inflazione scenderà sensibilmente nei prossimi mesi’, dopo essere salita in modo rilevante dal 2022. Ha quindi senso bloccare ora una parte dei prezzi?

Moneta & Mercati

L’effetto “palla di neve” sta per esaurirsi

L’incremento del deficit previsto dalla Nadef non è giustificato dall’attuale rallentamento dell’economia italiana. Ma a preoccupare di più è il fatto che si rinunci a ridurre il rapporto debito sul Pil pur in una fase favorevole: è questo uno degli elementi che alimenta le perplessità dei mercati e di alcuni Paesi dell’Ue. [continua ]

Finanza pubblica
Margine di interesse, le banche hanno accumulato 38 mld solo nel 2022

Margine di interesse, le banche italiane hanno accumulato 38 miliardi di euro solo nel 2022

Moneta & Mercati
quoted business

Calenda e Sallusti all’attacco contro gli Agnelli-Elkann

Sallusti: “Ci sono due gruppi editoriali di ricchi signori miliardari che hanno trasferito le loro attività finanziarie all’estero e scatenano i loro giornali per far credere agli italiani che il paese sta crollando”. Calenda: “C’è in Italia un’alleanza tra populismo sindacale e populismo politico che impedisce di affrontare seriamente i processi di trasformazione industriale”- [continua ]

Economia
Presi per il PIL
Deficit al 4,3 per cento e dote di 14 miliardi per la manovra

Deficit al 4,3 per cento e dote di 14 miliardi per la manovra

Finanza pubblica

Indicatori

Crediti deteriorati

L'andamento dei crediti deteriorati dal 2005 al 2020 in Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna in rapporto al totale dei crediti erogati

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com