Segnali di riglobalizzazione selettiva

Dal 2008 al 2019 (l’anno precedente la pandemia) il rapporto tra il valore del commercio mondiale e il Pil globale è sceso dal 61% al 56%.

Banca Mondiale

Visto da qb

Segnali di riglobalizzazione selettiva

Nello stesso periodo sono diminuiti anche il peso delle importazioni di semilavorati e gli investimenti diretti. E analoga tendenza è riferibile ai flussi finanziari. Sono tutti segnali di deglobalizzazione che raccontano la stessa storia: la riduzione su scala macroregionale dell’economia mondiale. L’amministrazione Trump, il Covid e l’invasione russa dell’Ucraina sono solo le gocce che hanno fatto traboccare il vaso.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Quark
Il commercio del mondo è nudo. La globalizzazione imprevedibile

Il commercio del mondo è nudo. La globalizzazione imprevedibile

Global
La strategia a geometria variabile di Pechino verso Mosca
quoted business

La strategia a geometria variabile di Pechino con la Russia

Global
quoted business

Cina: “Gli Usa smettano di creare conflitti e farsi nemici. La Nato è una sfida sistemica alla pace e alla stabilità mondiali”. Usa: “Possibile che Mosca usi armi nucleari”. Russia: “Risponderemo se la Nato schiera truppe in Svezia e Finlandia”

Usa-Russia-Cina: il quadro si complica? [continua ]

Global
Dalla Turchia via libera all’ingresso di Finlandia e Svezia nella Nato

Dalla Turchia via libera all’ingresso di Finlandia e Svezia. La Nato si allarga

Global

Dopo l’Ue, anche il G7 rinvia all’autunno l’idea di Draghi sul gas

Il rinvio a settembre/ottobre della decisione in merito alla fissazione di un tetto massimo al prezzo del gas potrebbe essere tardivo e forse inutile. Mentre sull’oro blu si vedrà, il G7 ha dato l’ok a quello sul petrolio. Ma anche se si decidesse di bloccare il prezzo del gas chi pagherebbe la differenza rispetto al prezzo di mercato: i governi nazionali o l’Ue? [continua ]

Global
quoted business

Il G7 conta ancora?

Le sette economie (Usa, Giappone, Germania, Regno Unito, Italia, Canada, Francia) producevano nel 1990 il 66% del Pil globale, oggi il 46%. Il peso dei 7 sul commercio mondiale è passato dal 52% al 30%, mentre la popolazione dal 12% al 10%. L’unica possibilità per non essere fagocitati da altri paesi, a cominciare da Cina e India, è trasformarsi da soggetti esclusivi a inclusivi, abbracciando relazioni con nuovi paesi emergenti. [continua ]

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com