Usa ed Ue spingono per far restare Draghi in sella

La Casa Bianca interviene sulla crisi italiana: “Biden ha un grande rispetto per Draghi”. Il vicepresidente della commissione Ue, Frans Timmermans: “Il premier italiano è un partner autorevole nel contesto europeo e internazionale. Il suo contributo in questo difficile momento storico è importante per l’Italia e l’Ue”. La presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola: “Abbiamo bisogno di stabilità politica in Europa”.

Usa ed Ue spingono per far restare Draghi in sella

Nel mondo che esisteva fino all’invasione russa dell’Ucraina, il mandato di Mario Draghi da primo ministro dell’Italia aveva due scopi di rilievo globale.

Primo, garantire con la sua credibilità il buon uso dei fondi comunitari stanziati al nostro paese per combattere gli effetti economici dell’epidemia di Covid-19 (e per scongiurare che il collasso del nostro paese trascinasse nel baratro tutta l’Eurozona, Germania compresa).

Secondo, riorientare verso Occidente la barra delle intese strategiche, dopo gli ammiccamenti a Russia e soprattutto Cina registrati durante il primo governo Conte. Avvicinamenti visti con preoccupazione dagli Stati Uniti – dalla cui sfera di influenza è di fatto quasi impossibile sfilarsi in virtù della nostra appartenenza alla Nato e della presenza di circa 12 mila soldati a stelle e strisce sul nostro territorio.

L’invasione russa rende ora ancora più urgente il perseguimento del primo obiettivo e, secondo Stati Uniti ed Ue, anche del secondo. In effetti, in riferimento al primo scopo, l’impennata dell’inflazione e la flessione prevista della crescita economica (l’anno prossimo l’Italia dovrebbe essere penultima in Europa; ma anche prima dello scoppio della pandemia il nostro paese era fanalido di coda a livello comunitario) rendono lo Stivale ancora più bisognoso dei fondi europei.

Nel frattempo sale la pressione in merito al riorientamento atlantico dell’Italia, che vede in Draghi un garante in ottica anticinese. Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, “ha un profondo rispetto per il primo ministro italiano, quindi ovviamente segue molto da vicino lo svolgersi avanti e indietro a Roma”, ha spiegato il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jake Sullivan.

Messaggi di stima sono arrivati al presidente del Consiglio anche da alcune tra le figure di spicco dell’Ue. “Mario Draghi è un partner autorevole nel contesto europeo e internazionale. Il suo contributo in questo difficile momento storico è importante per l’Italia e l’Ue", ha scritto su Twitter il vice presidente della commissione Ue, Frans Timmermans.

Significative anche le parole pronunciate dalla presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola: “Con la guerra contro l’Ucraina che imperversa nel nostro Continente, l’aumento del costo della vita e la ripresa post Covid ai blocchi di partenza, abbiamo bisogno di stabilità politica in Europa. L’Italia è uno Stato membro importante e fondatore. Abbiamo bisogno che mantenga il suo ruolo di leadership all’interno dell’Ue, soprattutto in questi tempi difficili”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La Cina potrebbe fare con il resto del mondo quello che la Russia sta facendo contro l’Europa

Pechino detiene il 93% delle scorte mondiali di rame, il 74% di quelle di alluminio, il 68% di quelle di mais e il 51% di quelle di frumento. Eppure l’attività estrattiva in Cina è limitata. Come si spiega allora questo dominio? [continua ]

Energie & Risorse
Germania e Cina sempre più vicine. È una questione di chimica

Germania e Cina sempre più vicine. È una questione di chimica

Global
Dall’Ue 100 mld alla Russia per carbone, petrolio e gas da febbraio

Dall’Ue 100 mld alla Russia per carbone, petrolio e gas da febbraio

Global
Brics versus Bricasi

Brics, Argentina e Iran verso il blocco formato da Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa

Global

Quali paesi stanno comprando combustibili fossili russi? L’Ue è prima con il 54% per un valore di 85 mld, seguita dalla Cina (con ‘appena’ 35 mld)

In sei mesi Mosca ha guadagnato 158 miliardi di euro dalle esportazioni di combustibili: gli incassi della Russia da gas e petrolio superano i costi della guerra. [continua ]

Global

La narrativa secondo cui l’Occidente è nobile mentre Russia e Cina sono malvagie è ingenua e pericolosa

Dal 1980 gli Usa sono stati coinvolti in almeno 15 guerre all’estero; nessun coinvolgimento invece per la Cina e ‘solo’ 1 per la Russia. La paura nei confronti di Pechino e Mosca viene venduta al pubblico occidentale attraverso la manipolazione dei fatti. Al centro c’è il tentativo degli Stati Uniti di rimanere la potenza egemonica mondiale. Ma Washington può contare ‘soltanto’ sul 4,2% della popolazione mondiale e sul 16% del Pil globale. [continua ]

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com