Redditi mai così bassi da 20 anni in Italia

Rapporto di Bankitalia sui conti economici e finanziari durante la crisi sanitaria del Covid-19

Redditi mai così bassi da 20 anni

“Nel primo semestre 2020 i redditi privati non finanziari hanno registrato la contrazione più forte degli ultimi 20 anni, solo in parte contrastata dalle misure di sostegno”. È quanto si legge nel rapporto della Banca d’Italia ‘I conti economici e finanziari durante la crisi sanitaria del Covid-19’.

Nel primo semestre 2020 i redditi primari procapite a valori correnti delle famiglie si sono ridotti dell’8,8% rispetto al primo semestre 2019. Si tratta di una contrazione più ampia di quelle registrate nelle fasi più acute della crisi finanziaria (-5,2%) e di quella dei debiti sovrani (-3,4%).

E, sempre nel primo semestre del 2020, la variazione del debito pubblico in percentuale del Pil ha raggiunto i valori più alti negli ultimi venti anni.

Nello stesso periodo i consumi degli italiani sono crollati dando origine a un risparmio netto di 51,6 miliardi. Il tasso di risparmio è più che triplicato rispetto alla fine del 2019 (da 2,8 a 9,2%), contrariamente a quanto era accaduto durante le due precedenti crisi.

Dopo oltre un anno di disinvestimenti in titoli pubblici (-23,6 mld nel 2019), nella prima metà del 2020 le famiglie sono tornate ad acquistarne per 5,1 mld, mentre sono state registrate vendite di altri titoli per 11,6.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Il debito pubblico è aumentato di 149,4 mld in un solo anno

Il debito pubblico è aumentato di 149,4 mld in un solo anno

Finanza pubblica

quoted business

Uno sconto per chi paga con la carta. Obiettivo: spingere i consumi e tracciare il ‘nero’

Un bonus da 2 mld per spingere i consumi di bar e ristoranti, e anche per abbigliamento ed elettrodomestici, per dare forza al rimbalzo dell’economia. La misura varrebbe da agosto a dicembre. Sarebbe questo il quarto pilastro del decreto da 25 miliardi, che include atri tre capitoli: lavoro (cassa integrazione selettiva e decontribuzioni per le assunzioni), fisco (blocco fino a novembre dell’invio delle cartelle esattoriali e rateizzazione tasse sospese), interventi per enti locali e scuola. [continua ]

Economia

quoted business

Bankitalia: “Incrementi di spesa e riduzioni di imposte non si traducono automaticamente in più Pil”

“Per il nostro paese inizia ora un percorso tutt’altro che agevole. Andranno delineati in tempi rapidi progetti di investimento e di riforma lungimiranti, concreti e dettagliati. Tali progetti andranno attuati senza ritardi e inefficienze. È la condizione per garantire l’effettivo accesso ai finanziamenti previsti dal Next Generation EU, per rilanciare la crescita e la produttività dell’economia italiana”. [continua ]

Economia
Debito pubblico, Gualtieri: “Non vogliamo rendere il Paese autarchico”

Debito pubblico, Gualtieri: “Nessun obiettivo di rendere il Paese autarchico”

Economia
Debito pubblico a 2.643 mld

Debito pubblico a 2.643 miliardi

Finanza pubblica
A gennaio nuovo record del debito pubblico: 2.603,1 mld

A gennaio nuovo record del debito pubblico: 2.603,1 mld

Finanza pubblica

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com