Sms di Tria, “non ce la faccio più”. Si rincorrono voci di dimissioni

Secondo quanto riporta "Il Giornale", il messaggio è stato inviato dal ministro dell’Economia a Renato Brunetta. Tria è sempre più isolato, investito dalla sfiducia del premier e del M5S. Ma Salvini dismette i panni da incendiario: “La Lega lavora a una soluzione di buon senso”

Sms di Tria, “non ce la faccio più”. Si rincorrono voci di dimissioni
Il ministro dell'Economia, Giovanni Tria

“Non ce la faccio più, sono sottoposto ad un agguato dietro l’altro. L’ultimo è stato quello di mandarmi davanti alla Commissione parlamentare di ritorno dall’Ecofin. L’unica cosa che mi interessa è salvare il Paese. Quella è la mia luce. Altrimenti, se fosse solo per me, già ora…”. Questo sms è stato mandato dal ministro dell’Economia Giovanni Tria a un esponente dell’opposizione (Renato Brunetta) ed è riportato oggi da Augusto Minzolini su Il Giornale.

Brunetta ha un rapporto personale con Tria: dapprima sono stati colleghi quando insegnavano alla facoltà di Economia dell’Univesrità di Tor Vergata (Roma), poi nei cinque anni di governo Berlusconi tra 2001 e 2006 Tria è stato tra i consiglieri più ascoltati dall’allora ministro della Pubblica Amministrazione.

L’sms, che secondo il racconto di Minzolini è stato inviato a Brunetta, non è un annuncio di dimissioni, anche se continuano a rincorrersi voci sull’addio del titolare di via XX Settembre, e fa riferimento a un episodio ben preciso, ovvero l’intervento del ministro del 4 dicembre di fronte alle Commissioni Bilancio della Camera e del Senato. “Il tema è da informativa e non sono in grado di fare un'audizione. Se non siete d'accordo me lo dite e me ne vado", aveva detto Tria.

L’ostilità nei confronti del ministro è confermata anche dal retroscena pubblicato da La Stampa e firmato da Ilario Lombardo. Dopo essersi riunito con il premier alla presenza del Ragioniere generale dello Stato, Daniele Franco, che aveva con sé le tabelle delle voci di bilancio su cui cercare un’alternativa ai tagli, Tria ha disertato il vertice con Di Maio e Salvini. Ma ha senso discutere di manovra senza il ministro che dovrà comunque firmarla?

Tria è sempre più isolato, investito dalla sfiducia del premier e del M5S. Salvini, tuttavia, non sembra così convinto che il ministro vada lasciato al suo destino e dismette i panni da incendiario: “La Lega lavora a una soluzione di buon senso”. Adesso il pompiere è Salvini.

Poi è arrivata la secca smentita dell'economista prestato alla politica: "Non mi dimetto". In ogni caso, qualunque regolamento di conto avverrà dopo l'approvazione della manovra.

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com