Discorso di fine anno, Mattarella in campo contro i “cattivisti”

Nel suo messaggio agli italiani, il presidente ha puntato sui "buoni sentimenti". Senza risparmiare bacchettate a molti protagonisti

Discorso di fine anno, Mattarella in campo contro i “cattivisti”

Nel discorso di fine anno Sergio Mattarella dice basta ai predicatori di rancore, stop all’astio, all’insulto, all’intolleranza che dilagano sui social e nella politica. Forse si è oltrepassato il segno del confronto civile e una parte dell’Italia ormai non ne può più, per cui sente che è giunto il momento di cambiare la narrazione. Contro gli ultras del “cattivismo” Mattarella mobilita la forza mite dei sentimenti civili.

Il senso “buonista” del messaggio non deve tuttavia ingannare: con il sorriso sulle labbra, il presidente distribuisce diverse bacchettate. La prima al governo, che nella manovra ha messo nel mirino il volontariato: no alla “tassa sulla bontà”, avverte. Un'altra reprimenda arriva verso la fine, quando il presidente sottolinea che la funzione delle Forze armate “non può essere snaturata”: altro che fare riparare all’Esercito le buche di Roma.

Poco prima, parlando di Forze dell’ordine, Mattarella ha segnalato l’importanza della divisa, "patrimonio da salvaguardare perché appartiene a tutti i cittadini": forse, chissà, anche un modo soave per ricordare a Salvini che farebbe meglio a non circolare con le felpe della Polizia.

Senza mai alzare i toni, il presidente constata come la “grande compressione del dibattito parlamentare” e la “mancanza di un opportuno confronto” sulla legge di bilancio non siano state un bel vedere.

E dal momento che sui conti è stata siglata una tregua con l’Europa, Mattarella lancia un richiamo preventivo: alle prossime elezioni per il Parlamento di Strasburgo si evitino campagne denigratorie contro l’Unione. È un monito rivolto, si capisce, ai cosiddetti sovranisti.

Con il suo tono gentile, rispettoso e garbato, il Capo dello Stato ha rivolto agli italiani il discorso forse più sottilmente politico del suo settennato.

Articoli correlati

La Consulta boccia il referendum: “Eccessivamente manipolativo”

La Consulta boccia il referendum: “Eccessivamente manipolativo”

Strategie & Regole

quoted business

Mattarella: “Dobbiamo avere più fiducia in noi stessi. E più spazio ai giovani”

Un invito al Paese ad avere più fiducia in se stessi, nei propri talenti, facendo leva sull’identità italiana, “sinonimo di sapienza, genio, armonia”, perché nel mondo “vi è una diffusa domanda di Italia”. Allo stesso tempo un appello alla coesione sociale, perché usciremo dalla crisi se tutti gli attori faranno la loro parte. E infine, “occorre investire molto sui giovani, per evitare l’esodo verso l’estero. Servono, però “occasioni di lavoro correttamente retribuite”. [continua ]

Strategie & Regole
Conte: “Non lascio la politica a fine mandato”

Conte: “Non lascio la politica a fine mandato”

Strategie & Regole

2 ministri al posto di Fioramonti: Azzolina alla scuola, Manfredi all’Università e Ricerca

Lucia Azzolina è la nuova ministra della Scuola dopo le dimissioni di Lorenzo Fioramonti. Gaetano Manfredi, presidente della Conferenza dei rettori, va all’Università e alla Ricerca: lo ha annunciato Giuseppe Conte in conferenza stampa. Azzolina, dirigente scolastico, è attualmente sottosegretario alla Scuola in quota M5s. Gaetano Manfredi è rettore dell’Università Federico II di Napoli. [continua ]

Strategie & Regole

Il governo perde un pezzo. Fioramonti si dimette: “Pochi fondi per l’istruzione”

Il governo continua a fibrillare anche tra Natale e Santo Stefano. Questa volta però è successo qualcosa in più: sono arrivate, la sera del 25, le dimissioni di un ministro. Il capo del dicastero dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, ha consegnato la lettera al premier Conte. Da alcuni giorni circolavano rumor sull’addio del responsabile dell’Istruzione: erano legati all’approvazione della manovra e al mancato stanziamento dei fondi attesi, appunto, per l’Istruzione. [continua ]

Strategie & Regole
Tra Conte e Di Maio è gelo. Ora la crisi è un rischio vero

quoted business

Conte attacca Salvini. E scende il gelo con Di Maio. Ora la crisi è un rischio vero

Strategie & Regole

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com