Senato, il governo Conte incassa la fiducia

Voti favorevoli: 169. Contrari: 133. Astenuti: 5

Senato, il governo Conte incassa la fiducia

Il governo Conte ha ottenuto la fiducia del Senato. I voti favorevoli sono stati 163, quelli contrari 133. Cinque gli astenuti.

Poco prima della votazione si è consumato l'ennesimo duello fra Giuseppe Conte e Matteo Salvini. Il leader leghista attacca il premier in aula, accusandolo di "poltronismo" e di subalternità all'Europa, oltre che di mancanza di stile. Conte gli risponde, rinfacciandogli l'arroganza per aver chiesto i "pieni poteri" con l'idea di portare il Paese alle elezioni in maniera unilaterale.

Rivolto infine a Conte, dà un’altra stilettata: "Noi siamo in Europa, i miei figli cresceranno in Europa, ma la vogliamo diversa. E vogliamo un'Italia a testa alta: l'immagine dell'uomo che sussurrava alla Merkel non fa bene al Paese. A proposito di stile...alla faccia. Lo stile è sostanza, non apparenza, non dipende solo dalla cravatta, dalla pochette e dal capello ben pettinato".

Articoli correlati

Secondo quoted business
Il governo guidato da Giuseppe Conte è in carica

quoted business

Il governo guidato da Giuseppe Conte è in carica

Strategie & Regole
La Consulta boccia il referendum: “Eccessivamente manipolativo”

La Consulta boccia il referendum: “Eccessivamente manipolativo”

Strategie & Regole

quoted business

Mattarella: “Dobbiamo avere più fiducia in noi stessi. E più spazio ai giovani”

Un invito al Paese ad avere più fiducia in se stessi, nei propri talenti, facendo leva sull’identità italiana, “sinonimo di sapienza, genio, armonia”, perché nel mondo “vi è una diffusa domanda di Italia”. Allo stesso tempo un appello alla coesione sociale, perché usciremo dalla crisi se tutti gli attori faranno la loro parte. E infine, “occorre investire molto sui giovani, per evitare l’esodo verso l’estero. Servono, però “occasioni di lavoro correttamente retribuite”. [continua ]

Strategie & Regole
Conte: “Non lascio la politica a fine mandato”

Conte: “Non lascio la politica a fine mandato”

Strategie & Regole

2 ministri al posto di Fioramonti: Azzolina alla scuola, Manfredi all’Università e Ricerca

Lucia Azzolina è la nuova ministra della Scuola dopo le dimissioni di Lorenzo Fioramonti. Gaetano Manfredi, presidente della Conferenza dei rettori, va all’Università e alla Ricerca: lo ha annunciato Giuseppe Conte in conferenza stampa. Azzolina, dirigente scolastico, è attualmente sottosegretario alla Scuola in quota M5s. Gaetano Manfredi è rettore dell’Università Federico II di Napoli. [continua ]

Strategie & Regole

Il governo perde un pezzo. Fioramonti si dimette: “Pochi fondi per l’istruzione”

Il governo continua a fibrillare anche tra Natale e Santo Stefano. Questa volta però è successo qualcosa in più: sono arrivate, la sera del 25, le dimissioni di un ministro. Il capo del dicastero dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, ha consegnato la lettera al premier Conte. Da alcuni giorni circolavano rumor sull’addio del responsabile dell’Istruzione: erano legati all’approvazione della manovra e al mancato stanziamento dei fondi attesi, appunto, per l’Istruzione. [continua ]

Strategie & Regole

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com