Proposta contro l’anonimato sul web: “Per aprire un profilo occorre un documento d’identità”

Così Luigi Marattin su Twitter. E poche ore prima la stessa proposta lanciata dal regista Gabriele Muccino

Proposta contro l’anonimato sul web

Depositare un documento di identità nel momento in cui si apre un profilo social. È questa la proposta del deputato di Italia viva, Luigi Marattin. 

L’annuncio dell’economista è su Twitter: “Da oggi al lavoro per una legge che obblighi chiunque apra un profilo social a farlo utilizzando un documento di identità”.

E il tweet con la proposta di Marattin è stato anticipato di poco da un simile post del regista Gabriele Muccino. Che ha cinguettato: “Al più presto occorre una legge che obblighi chiunque apra un account social a registrarlo solo tramite l’invio di un documento d’identità”. “Solo così sapremo chi si nasconde dietro la rete commettendo reati penali sotto l’impunità dell’anonimato”, ha aggiunto il regista.  

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com