Di Maio lascia la guida del M5s: “Ho portato a termine il mio percorso”

“Abbiamo il dovere di porci di nuove domande e darci nuove risposte”

Di Maio lascia la guida del M5s: “Ho portato a termine il mio percorso”

“Ho portato al termine il mio percorso”. Così Luigi Di Maio annuncia l’addio al vertice del M5s.

Emozionato annuncia: “Da oggi cominciano gli Stati Generali”. E avverte leggendo un testo scritto: “Abbiamo il dovere di porci di nuove domande e darci nuove risposte”.

“Per arrivare fino a qui abbiamo fatto i salti mortali - spiega -. E il Movimento resta un progetto visionario, mai realizzato prima e che non ha eguali al mondo”.

Di Maio, poi, si toglie un po' di sassolini dalle scarpe (“C’è chi è stato nelle retrovie e, senza prendersi responsabilità è uscito allo scoperto solo per pugnalare alle spalle”).

Infine elenca una lunga lista di provvedimenti approvati che - a suo dire - confermano l'importanza del percorso politico compiuto dal Movimento sotto la sua guida.

Intanto cresce, in queste ore, l’ipotesi di affidare la reggenza del M5S a Vito Crimi, in vista degli Stati Generali previsti nella metà di marzo.

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com