Autostrade, Atlantia affonda a Piazza Affari

Palazzo Chigi appare intenzionato a chiedere l’uscita di scena dei Benetton

Autostrade, Atlantia affonda a Piazza Affari

Non c’è pace per Autostrade per l’Italia e la controllante Atlantia. Il titolo della holding che controlla l'88% di Aspi segna una caduta in doppia cifra.

Il mercato prende atto delle novità che si stanno sviluppando a Palazzo Chigi, dove il premier Conte appare intenzionato a chiedere l’uscita di scena definitiva dei Benetton e non solo una loro diluizione nel capitale della concessionaria autostradale (dall’88 per cento a una quota di minoranza).

Sabato scorso Aspi ha inviato al governo la nuova proposta che è tuttavia stata giudicata insoddisfacente dal presidente del Consiglio. Conte in un’intervista al Fatto Quotidiano ha detto di non esser “per nulla” soddisfatto della risposta dell’azienda, “per non dire” che è “imbarazzante”.

E a La Stampa il premier ha spiegato: “I Benetton non hanno ancora capito che questo governo non accetterà di sacrificare il bene pubblico sull’altare dei loro interessi privati”.

Articoli correlati

Atlantia crolla in Borsa. Ultimatum di Conte

quoted business

Atlantia crolla in Borsa. Ultimatum di Conte

Economia
Ponte Morandi, tutti contro Atlantia. Ma dove era il ‘controllore’?

Ponte Morandi, tutti contro Atlantia. Ma dove era la vigilanza del ministero dei Trasporti?

Economia

Il Comitato scientifico suggerì misure differenziate. Ma il Governo decise il lockdown per tutto il Paese

Lo scorso 7 marzo scorso con un documento riservato inviato al ministro della Salute, il Comitato tecnico scientifico propone al governo di “adottare due livelli di misure di contenimento: uno nei territori in cui si è osservata maggiore diffusione del virus, l’altro sul territorio nazionale”. In particolare, misure più rigorose in Lombardia e nelle province di Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini e Modena, Pesaro Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Alessandria e Asti. [continua ]

Strategie & Regole
Il Senato autorizza: Salvini a processo

quoted business

Il Senato autorizza: Salvini a processo

Strategie & Regole

Dopo il Senato, anche la Camera vota 'sì' alla proroga dello stato di emergenza

La Camera ha dato il via libera alla proroga al 15 ottobre dello stato di emergenza: 282 favorevoli e 221 contrari. “La proroga, se si epura la discussione da posizioni ideologiche, è una scelta inevitabile, per certi aspetti obbligata, fondata su valutazioni squisitamente tecniche”. Lo ha detto il premier in Aula alla Camera. [continua ]

Strategie & Regole

quoted business

Conte: “Prorogare lo stato di emergenza è una scelta obbligata”

“La proroga dello stato di emergenza fino a ottobre è una scelta obbligata”. Lo ha detto il premier in Parlamento. “Senza lo stato di emergenza decadrebbero i poteri straordinari ai molti soggetti attuatori” che sono per la maggior parte dei casi i presidenti delle Regioni, ha spiegato Giuseppe Conte intervenendo al Senato. [continua ]

Strategie & Regole

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com