De Benedetti: “Sì a un governo del Pd con Berlusconi. Tutto tranne Conte e Salvini”

L’ingegnere: “Questa intesa al vertice va accompagnata anche dal benservito a Conte che rappresenta il vuoto pneumatico”

De Benedetti: “Sì a un governo Pd-Berlusconi. Tutto tranne Conte e Salvini”

Se si tratta di isolare Salvini e Meloni trangugio anche Berlusconi al governo con la sinistra”. Non ha dubbi Carlo De Benedetti, ex proprietario di Repubblica e della Cir. Parlando con Il Foglio aggiunge che questa intesa al vertice va accompagnata “anche dal benservito a Conte che rappresenta il vuoto pneumatico”. E su Berlusconi in un nuovo governo la pensa come Prodi.

Il punto è che se tutto va bene – secondo l’ingegnere - “è in arrivo nel nostro paese una quantità di denaro da investire che non si vedeva dal primo dopoguerra”, pertanto si tratta di “un’occasione unica” e allora “c’è bisogno di un governo, e di una personalità al governo, che questa occasione storica la sappia cogliere”.

“Ora o mai più – spiega De Benedetti -. E non è pensabile che sia Conte a programmare il futuro dell’Italia per i prossimi anni”. Poi sul Cavaliere, e un suo possibile ingresso in un nuovo governo, dice: “Se Berlusconi si stacca dalla destra sovranista è possibile che si formi una maggioranza in grado di esprimere un presidente del Consiglio finalmente capace di fare il suo mestiere”. Può essere Draghi? “Magari”, risponde l’ingegnere. 

Fonte

Articoli correlati

Il Comitato scientifico suggerì misure differenziate. Ma il Governo decise il lockdown per tutto il Paese

Lo scorso 7 marzo scorso con un documento riservato inviato al ministro della Salute, il Comitato tecnico scientifico propone al governo di “adottare due livelli di misure di contenimento: uno nei territori in cui si è osservata maggiore diffusione del virus, l’altro sul territorio nazionale”. In particolare, misure più rigorose in Lombardia e nelle province di Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini e Modena, Pesaro Urbino, Venezia, Padova, Treviso, Alessandria e Asti. [continua ]

Strategie & Regole
Il Senato autorizza: Salvini a processo

quoted business

Il Senato autorizza: Salvini a processo

Strategie & Regole

Dopo il Senato, anche la Camera vota 'sì' alla proroga dello stato di emergenza

La Camera ha dato il via libera alla proroga al 15 ottobre dello stato di emergenza: 282 favorevoli e 221 contrari. “La proroga, se si epura la discussione da posizioni ideologiche, è una scelta inevitabile, per certi aspetti obbligata, fondata su valutazioni squisitamente tecniche”. Lo ha detto il premier in Aula alla Camera. [continua ]

Strategie & Regole

quoted business

Conte: “Prorogare lo stato di emergenza è una scelta obbligata”

“La proroga dello stato di emergenza fino a ottobre è una scelta obbligata”. Lo ha detto il premier in Parlamento. “Senza lo stato di emergenza decadrebbero i poteri straordinari ai molti soggetti attuatori” che sono per la maggior parte dei casi i presidenti delle Regioni, ha spiegato Giuseppe Conte intervenendo al Senato. [continua ]

Strategie & Regole

Camici in Lombardia. Indagato il presidente Fontana

Il governatore lombardo Attilio Fontana risulta indagato dalla Procura di Milano nell’inchiesta sulla fornitura da mezzo milione di euro di camici e altri dispositivi di protezione da parte della società Dama spa gestita dal cognato Andrea Dini e di cui la moglie del presidente della Lombardia, Roberta Dini, detiene una quota del 10%. [continua ]

Strategie & Regole

Gelli consegnò ai Nar l’anticipo di denaro per l’esecuzione della strage di Bologna

Fu Licio Gelli a consegnare ai Nar l’anticipo di denaro per l’esecuzione della strage di Bologna, costata la vita a 85 persone e il ferimento di altri 200. È la convinzione maturata dai magistrati della Procura generale che hanno indagato su mandanti e finanziatori dell’attentato del 2 agosto 1980, per il quale sono già stati condannati in via definitiva Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini (per concorso in strage è stato anche condannato in primo grado Gilberto Cavallini). [continua ]

Strategie & Regole

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com