Economia, Renzi: “Siamo il peggior paese al mondo”

Duro intervento al Senato del segretario di Italia Viva

Economia, Renzi: “Siamo il peggior paese al mondo”

Rispettando le previsioni, con un duro intervento Matteo Renzi ha attaccato il presidente del Consiglio. Ecco alcuni passaggi.

“Questo luogo esige e merita rispetto, la sua valutazione signor presidente rispetto al fatto che questa crisi è incomprensibile, mi impone di guardarla negli occhi e di dirle cosa ha portato tutti noi ad allontanarci dal governo”.

“Noi pensiamo che il suo non sia il governo più bello del mondo, il governo migliore del mondo. Pensiamo che per la tragedia in corso ci sia bisogno di un governo più forte”.

“Siamo stati fin troppo pazienti. Sono mesi che le chiediamo una svolta. La comunicazione per cui questo non è il momento per aprire una crisi è passata. Ma noi pensiamo all’opposto che questo è un momento opportuno, ora o mai più. Ora ci giochiamo il futuro, non tra sei mesi.” 

“Mi sarei aspettato da lei un grande sogno per il futuro del Paese, un orizzonte, una visione”.

“Lei ha avuto paura signor presidente di salire al Quirinale il giorno dopo le dimissioni delle ministre di Iv non perché sia utile al Paese, ma perché ha scelto un arrocco istituzionale”.

È da considerarsi una ‘fake news’ l’affermazione di Renzi secondo il quale “l’economia italiana è la peggiore al mondo”. I dati sulla crescita economica nel terzo trimestre e la stima sull’andamento annuale a livello europeo non posizionano l’Italia all’ultimo posto (https://ec.europa.eu/eurostat). Ciò ovviamente non significa che l’economia del nostro paese navighi in buone acque. Basti pensare che nel 2019 l’Italia si è classificata ultima nell’Ue per crescita.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Nomine: il vincitore è Matteo Renzi. Eppure guida un partito dato al 2-3%

Nomine e potere: il vincitore è Matteo Renzi. Eppure guida un partito dato al 2-3%

Strategie & Regole
Corte: “Ok alla spesa buona. Ma bisogna contenere quella cattiva”

Corte dei Conti: “Ok all’aumento della spesa buona. Ma bisogna contenere quella cattiva”

Strategie & Regole
La Procura: “Speranza non chiese di far cadere nel nulla il report”

quoted business

La Procura: “Speranza non chiese di far cadere nel nulla il report che evidenziava le falle italiane”

Strategie & Regole

Caso mascherine cinesi. Arcuri indagato per peculato

Il reato di peculato sarebbe contestato anche ad Antonio Fabbrocini, che è stato uno stretto collaboratore di Arcuri e il responsabile unico del procedimento per l’acquisto di 801 milioni di mascherine da tre diversi consorzi cinesi. [continua ]

Strategie & Regole

Ok dal CdM al nuovo decreto. Niente zone gialle in aprile

Possibili deroghe in base ai contagi. Scuole aperte in zona rossa. Niente visite agli amici, in arancione sì ma solo nel Comune. Il decreto introduce anche due importanti novità: l’obbligo di vaccinarsi per tutto il personale che opera nella sanità e uno stop alla regioni [continua ]

Strategie & Regole

Spy story romana: è crisi diplomatica tra Russia e Italia

L’arresto di un capitano di fregata della Marina mentre passava in cambio di 5 mila euro documenti riservati, riguardanti sistemi di telecomunicazione militare, ha portato all’espulsione di due funzionari dell’ambasciata russa. [continua ]

Strategie & Regole

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com