Il governo Draghi ha i numeri in Parlamento?

Partito Democratico, Forza Italia, Italia Viva, LeU e altri gruppi minori voteranno a favore. Se Fratelli d’Italia votasse contro, cosa accadrebbe se M5s votasse compatto ‘no’ e la Lega fosse l’ago della bilancia?

Il governo Draghi ha i numeri in Parlamento?

Da un lato, Partito democratico, Forza Italia, Italia Viva, LeU e altri gruppi minori (autonomie, europeisti, misto) che voteranno a favore del nuovo governo. I dubbi riguardano M5s e Lega, i due partiti con il maggior numero di parlamentari, sia alla Camera che al Senato.

Se la Lega votasse a favore, la maggioranza per Draghi è praticamente certa in ogni caso, anche senza l’appoggio del M5s: il nuovo governo avrebbe almeno 199 voti favorevoli (su 315) al Senato e 400 (su 630) alla Camera. Se invece la Lega dovesse votare contro, il governo Draghi potrebbe partire solo se il M5s votasse sì, limitando quanto più possibile le defezioni.

Una terza soluzione per la Lega è quella dell’astensione: in questo caso, l’asticella per il voto di fiducia si abbasserebbe a quota 127 al Senato e 249 alla Camera, e diventerebbe così possibile far partire il governo Draghi anche con il voto contrario di tutto il M5s.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

L’esordio di Mario Draghi

L’esordio di Mario Draghi

Strategie & Regole

quoted business

Chi è Mario Draghi?

Formatosi all’Università degli Studi di Roma ‘La Sapienza’ e specializzatosi al Mit di Boston, già professore universitario, Mario Draghi negli anni ‘90 diventa alto funzionario del ministero del Tesoro. Dopo un breve passaggio in Goldman Sachs, nel 2005 viene nominato Governatore della Banca d’Italia, prendendo il posto di Antonio Fazio, divenendo così membro del Financial Stability Forum e del Consiglio Generale della Bce, nonché membro del Cda della Banca dei regolamenti internazionali. [continua ]

Strategie & Regole

quoted business

M5s: “Sul Mes non c’è una battaglia ideologica”

“Sul Meccanismo europeo di stabilità non c’è alcuna battaglia ideologica, a differenza di come la questione viene spesso presentata”. Luigi Di Maio torna sul ricorso ai fondi del Mes. “C’è un negoziato aperto a livello internazionale che sta portando avanti il presidente del Consiglio Giuseppe Conte - afferma il ministro degli Esteri al giornale austriaco Die Presse - e noi abbiamo fiducia nelle sue parole”. [continua ]

Strategie & Regole
Di Maio lascia la guida del M5s: “Ho portato a termine il mio percorso”

quoted business

Di Maio lascia la guida del M5s: “Ho portato a termine il mio percorso”

Strategie & Regole
In Giunta via libera al processo. Un’altra mossa azzardata di Salvini?

quoted business

In Giunta via libera al processo per Salvini. Un’altra mossa azzardata del leader della Lega?

Strategie & Regole

Greenpeace, Legambiente e Wwf: “Nel PNRR ci sono misure scritte sotto dettatura di Eni”

“Da mesi chiediamo un Piano Nazionale Ripresa e Resilienza partecipato per evitare un PNRR ‘delle partecipate’, come alcune indiscrezioni delle ultime settimane lasciavano temere. Leggendo la seconda bozza del Piano, datata 29 dicembre, siamo stati ampiamente smentiti. Abbiamo, infatti, a che fare con un Piano che contiene diverse misure che sembrano scritte sotto dettatura solo da una azienda parzialmente statale, ossia Eni.” [continua ]

Planet

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com