Moody’s: “Un bene che ci sia Draghi”

Per l’Agenzia di rating il nuovo esecutivo migliora le prospettive per un uso efficace dei fondi

Moody’s: “Un bene che ci sia Draghi”

Le prospettive dell’Italia migliorano con Mario Draghi, ma la sfida del nuovo governo sarà mantenere lo slancio per le riforme necessarie al Paese quando l’emergenza pandemica sarà alle spalle.

L’avvertimento arriva da Moody’s che, nel suo ultimo report ‘Credit Outlook’, evidenzia come il nuovo governo guidato dall’ex presidente della Banca centrale europea “probabilmente punterà a riforme economiche strutturali per migliorare la crescita”, aiutato anche dal Recovery Plan che l’Italia presenterà ad aprile a Bruxelles e che “includerà progetti infrastrutturali di alta qualità, che potrebbero migliorare le prospettive di crescita”, almeno nel breve periodo.

Tuttavia, i rischi maggiori per il nuovo esecutivo riguardano il lungo periodo. “Una volta superata l’emergenza pandemica - scrive Moody’s - una sfida chiave per il governo Draghi sarà mantenere lo slancio per le riforme e l’appoggio politico per i cambiamenti. Alcuni partiti o gruppi parlamentari si sono opposti per anni ad alcuni aspetti delle riforme giudiziarie e amministrative proposte dalle precedenti amministrazioni”.

L’attuale momento politico dell’Italia - osserva Moody's – “può essere paragonato al governo tecnocratico guidato da Mario Monti nel 2011-2013. Certo, l’esistenza del pacchetto Recovery dell’Ue è una differenza importante, ma il perseguimento da parte del nuovo governo di un pacchetto di riforme economiche che sarà soggetto alla supervisione di Bruxelles è forse una similitudine altrettanto importante”.

Questo - conclude l’Agenzia nel report – “potrebbe amplificare le tendenze populiste anti-Ue cresciute nell’ultimo decennio in Italia, con conseguenti rischi nel lungo periodo per il governo”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com