I governi (compreso quello Draghi) non li porta la cicogna

Dominijanni: “Siamo un popolo infantilizzato da un quarto di secolo di cattiva politica e di pessima Tv, ma non al punto da credere che i governi ce li porti la cicogna. La ‘soluzione Draghi’ era nei retropensieri di tutto l’arco politico, economico e istituzionale. Renzi ha solo completato l’opera. Obiettivo: interrompere l’esperimento Pd-M5s, spostare l’asse degli equilibri al centro liberandolo dalla presenza ingombrante di Conte. E ribadire il vincolo transatlantico”

I governi non li porta la cicogna

Riportiamo qui alcuni significativi passaggi dell'articolo a firma di Ida Dominijanni e pubblicato da ‘Internazionale’

“Siamo un popolo infantilizzato da un quarto di secolo di cattiva politica e di pessima televisione, ma non al punto da credere che i governi ce li porti la cicogna. E dunque la favola bella del salvatore della patria chiamato dal Quirinale con una telefonata siamo ancora in grado di respingerla al mittente. La ‘soluzione Draghi’, lo sappiamo tutti, era nei retropensieri di tutto l’arco dei poteri politici, economici e istituzionali italiani. Ma il mandato alla Bce è finito nell’ottobre 2019, quando l’esperimento del secondo governo Conte era cominciato da soli due mesi e non lo si poteva strangolare nella culla.”

“È bastato che la prima fase del contagio si placasse perché crescessero i pruriti su come sottrarre la gestione dei fondi europei alla squadra che li aveva ottenuti. L’accerchiamento è stato concentrico: la scalata di Bonomi a Confindustria e l’operazione Gedi sulla stampa, trincea degli attacchi quotidiani all‘’assistenzialismo’ del M5s e allo ‘statalismo di ritorno’ del Pd. Renzi ha solo completato l’opera, assistito da ciò che resta della corte di Arcore e da un Giorgetti smanioso di recuperare alla Lega sovranista la rappresentanza originaria del padronato padano.”

“Obiettivo politico, interrompere l’esperimento Pd-M5s, spostare l’asse degli equilibri al centro liberandolo dalla presenza ingombrante di Giuseppe Conte, spedire i cinquestelle ai margini e riportare la Lega al governo. E ribadire il vincolo transatlantico dell’Italia in tempi di espansionismo cinese.”

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

L’esordio di Mario Draghi

L’esordio di Mario Draghi

Strategie & Regole

quoted business

Chi è Mario Draghi?

Formatosi all’Università degli Studi di Roma ‘La Sapienza’ e specializzatosi al Mit di Boston, già professore universitario, Mario Draghi negli anni ‘90 diventa alto funzionario del ministero del Tesoro. Dopo un breve passaggio in Goldman Sachs, nel 2005 viene nominato Governatore della Banca d’Italia, prendendo il posto di Antonio Fazio, divenendo così membro del Financial Stability Forum e del Consiglio Generale della Bce, nonché membro del Cda della Banca dei regolamenti internazionali. [continua ]

Strategie & Regole
Corte: “Ok alla spesa buona. Ma bisogna contenere quella cattiva”

Corte dei Conti: “Ok all’aumento della spesa buona. Ma bisogna contenere quella cattiva”

Strategie & Regole
La Procura: “Speranza non chiese di far cadere nel nulla il report”

quoted business

La Procura: “Speranza non chiese di far cadere nel nulla il report che evidenziava le falle italiane”

Strategie & Regole

Caso mascherine cinesi. Arcuri indagato per peculato

Il reato di peculato sarebbe contestato anche ad Antonio Fabbrocini, che è stato uno stretto collaboratore di Arcuri e il responsabile unico del procedimento per l’acquisto di 801 milioni di mascherine da tre diversi consorzi cinesi. [continua ]

Strategie & Regole

Ok dal CdM al nuovo decreto. Niente zone gialle in aprile

Possibili deroghe in base ai contagi. Scuole aperte in zona rossa. Niente visite agli amici, in arancione sì ma solo nel Comune. Il decreto introduce anche due importanti novità: l’obbligo di vaccinarsi per tutto il personale che opera nella sanità e uno stop alla regioni [continua ]

Strategie & Regole

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com