Draghi: “Questo è un anno in cui non si chiedono soldi. Ma si danno”

I principali passaggi della Conferenza stampa di Draghi

Draghi: “Questo è un anno in cui non si chiedono soldi. Ma si danno”

Ecco i passaggi chiave affrontati dal premier Mario Draghi in occasione della conferenza stampa relativa alla presentazione del decreto sostegni.

“Non abbiamo ancora quantificato lo scostamento di bilancio necessario”.

“Farò il vaccino di AstraZeneca”.

“La decisione sulla sospensione di AstraZeneca non è stata presa per interessi tedeschi”.

“Questo è un anno in cui non si chiedono soldi. Ma si danno”.

“Non è questo il momento a cui bisogna guardare al debito. Ma verrà quel momento”.

“Mi pare difficile che le regole del Patto di Stabilità restino uguali. Tutti i paesi stanno aumentando il debito pubblico”.

“Il coordinamento europeo ha un grandissimo valore aggiunto. Ma qui si tratta della salute. Se il coordinamento non funziona bisogna andare per conto proprio”.

“Sputnik? La Merkel procede in questo modo: se l’Ue dà l’autorizzazione bene, altrimenti procede per conto suo. Così farò io”. 

“Mes? Al momento il livello dei tassi di interesse è tale per cui prendere il Mes non è una priorità. Quando avremo un piano della sanità condiviso verrà il momento di chiedersi se prendere il Mes”.

“Orizzonte temporale del governo? Lo deciderà il parlamento”.

“Crisi Usa-Cina: per ora c’è uno scambio di complimenti. Noi siamo un paese fondato sull’europeismo e sull’atlantismo”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com