Il caso sulle origini ebraiche di Hitler, Draghi: “Da Lavrov frasi aberranti e oscene”

Il premier italiano: “Nessuno vuole la guerra”. Ma poi annuncia: “Previsto invio di nuove armi. Non so però quali”

Il caso sulle origini ebraiche di Hitler, Draghi: “Da Lavrov frasi oscene”

“Prima di tutto parliamo di un Paese dove c’è libertà di espressione, e il ministro Lavrov appartiene a un Paese dove non c’è libertà di espressione. In Italia c’è libertà di esprimere le opinioni, anche quando sono palesemente false e aberranti. Quello che ha detto Lavrov è aberrante. E per quanto riguarda la parte riferita a Hitler, è davvero oscena”. Con queste dure parole si è espresso Mario Draghi, riferendosi alle frasi pronunciate in un’intervista a Mediaset dal ministro degli Esteri russo.

“La televisione trasmette liberamente queste opinioni”, ma “in realtà” – attacca Draghi - quello di Lavrov “è stato un comizio. Ci si deve chiedere” se è giusto “accettare di invitare una persona che chiede di essere intervistata senza nessun contraddittorio. Non è granché professionalmente, fa venire in mente strane idee”.

Toni e parole che divaricano ulteriormente la distanza tra Russia e Nato. È forse anche per questo che il premier aggiunge: “Nessuno di noi vuole la guerra, nessuno vuole un’escalation, questo è quello che dirò” al presidente Usa “Joe Biden - prosegue Draghi - Ma nessuno di noi vuole abbandonare l’Ucraina”.

A quest’ultima frase si ricollega il passaggio successivo. “L’Italia agisce in difesa dei valori delle democrazie occidentali. C’è un decreto interministeriale, che prevede l’invio di nuove armi - afferma il capo del governo -. Non so però quali”. E ripete le sue parole del 17 febbraio 2021, quando ottenne la fiducia del Parlamento: “Questo governo nasce nel solco dell’Ue, della Nato e delle grandi democrazie occidentali”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

quoted business

Londra: “Kiev può colpire la Russia con le nostre armi”. La replica di Mosca: “Pronti a rappresaglia contro i paesi Nato”. Cresce il timore che il conflitto si allarghi

Putin a Guterres: “All’Onu siamo tutti uguali. Mi sembra strano che qualcuno pensi di essere diverso o migliore. Senza Crimea e Donbass accordo impossibile”. Il segretario generale delle Nazioni Unite in missione a Mosca: “Posizioni distanti”. La Russia esclude la possibilità di un cessate il fuoco [continua ]

Strategie & Regole

Perché l’Occidente non ha condannato la guerra di Putin in Siria?

La Russia putinista è percepita come un invasore aggressivo su un fronte e come l’energumeno utile per fare il lavoro sporco su un altro. La guerra al terrorismo, avviata dagli Usa, ha fornito a Putin (che è già alla sua quinta guerra) un’occasione d’oro per realizzare le sue ambizioni imperialistiche di far risorgere l’impero russo. [continua ]

Strategie & Regole
quoted business

Mosca esce dal Consiglio d’Europa: “I paesi della Nato e l’Ue ostili alla Russia. Lasciamo che si divertano a comunicare tra loro”

La frattura tra la Federazione russa e l’Occidente appare sempre più irreversibile. Ma cosa è il Consiglio d’Europa? [continua ]

Strategie & Regole
Usa-Russia-Cina: “No alla guerra nucleare”

Usa-Russia-Cina: “No alla guerra nucleare”

Strategie & Regole

‘Guerra dei cieli’. Mosca nega l’ingresso ai voli che aggirano la Bielorussia

Due collegamenti di Air France Parigi-Mosca e uno della Austrian Airlines Vienna-Mosca, che dovevano viaggiare aggirando lo spazio aereo di Minsk come suggerito dalle autorità competenti europee, sono stati cancellati perché la Russia non ha autorizzato l’ingresso. [continua ]

Strategie & Regole

Sachs: “Il grande errore degli Usa è credere che la Nato sconfiggerà la Russia”

Gli errori dell’Occidente nei rapporti con la Russia post-sovietica hanno contribuito ad aprire la strada al nazionalismo revanscista di Putin? L’economista: “Usa e Australia si stanno strappando i capelli per un patto di sicurezza tra la Cina e le Isole Salomone, che è visto come una terribile minaccia alla sicurezza dall’Occidente. Come si deve sentire allora la Russia riguardo all’allargamento della Nato all’Ucraina?” [continua ]

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com