Non solo gas e petrolio. Quella stretta dipendenza tra il colosso russo Rosatom e l’industria atomica europea, in particolare francese

Chi ha deciso che gas e nucleare sono sostenibili: l’Ue o la Russia? Tre colossi della Federazione (Gazprom, Lukoil e Rosatom) hanno portato avanti un’estenuante attività lobbying per far includere gas e nucleare nella tassonomia verde.

Quella stretta dipendenza tra Rosatom e l’industria atomica europea

L’Ue ha discusso per anni su cosa inserire e cosa escludere dalla tassonomia delle attività economiche che possono essere considerate sostenibili. Alla fine Bruxelles ha deciso di includere gas e nucleare nella lista, nonostante il primo sia incompatibile con gli obiettivi climatici fissati dalla comunità internazionale e il secondo appaia in palese conflitto con il principio di innocuità (per via delle enormi difficoltà che tuttora si incontrano nello smaltimento delle scorie).

Inoltre Germania, Austria e Lussemburgo sono contrari. Dunque, come è stato possibile arrivare a tale decisione? Un rapporto di Greenpeace svela in che modo i colossi russi dell’energia Gazprom, Lukoil e Rosatom siano riusciti ad esercitare enormi pressioni su Bruxelles, affinché gas e nucleare fossero considerate fonti sostenibili. Un risultato, come detto raggiunto, che concede a Vladimir Putin un potere negoziale molto più elevato nei confronti dell’Ue. Oltre a fornire introiti che potranno essere utilizzati per proseguire la guerra in Ucraina.

Il rapporto rivela in particolare che i rappresentanti delle tre aziende russe hanno incontrato commissari e funzionari europei sia direttamente, sia attraverso controllate estere o gruppi di pressione. E lo hanno fatto in almeno 18 occasioni, da quando la Commissione di Bruxelles ha pubblicato il suo piano d’azione sulla finanza sostenibile (nel marzo del 2018). Un incontro ogni due mesi in media.

“La Russia potrebbe guadagnare – secondo Greenpeace – 4 miliardi di euro in più all’anno con nuovi progetti legati al gas e finanziati grazie alla tassonomia europea. Di qui al 2030, il totale arriverà a 32 miliardi di euro”. Inoltre, “l’inclusione dell’energia nucleare nella lista permetterà a Rosatom, società pubblica russa che presenta stretti legami commerciali con l’industria atomica europea, in particolare francese, di beneficiare di una quota importante di investimenti. Valutati in 500 miliardi di euro”.

Basti pensare, d’altra parte, che la Russia fornisce attualmente il 45% del gas e il 20% dell’uranio utilizzati in Europa. E garantisce la manutenzione tecnica di 18 centrali nucleari di fabbricazione russa, oltre ad importare grandi quantità di rifiuti radioattivi sul proprio territorio. Sarà pertanto un caso se, ad oggi, le importazioni non solo di gas fossile (e petrolio), ma anche di turbine a gas, uranio e servizi legati al nucleare siano stati esclusi dalle sanzioni economiche che Bruxelles ha imposto alla Russia?

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Usa, Cina, Francia, Russia e Regno Unito: “Futuro senza armi nucleari”
quoted business

Usa, Cina, Francia, Russia e Regno Unito: “Futuro senza armi nucleari”

Strategie & Regole

La Cina potrebbe fare con il resto del mondo quello che la Russia sta facendo contro l’Europa

Pechino detiene il 93% delle scorte mondiali di rame, il 74% di quelle di alluminio, il 68% di quelle di mais e il 51% di quelle di frumento. Eppure l’attività estrattiva in Cina è limitata. Come si spiega allora questo dominio? [continua ]

Energie & Risorse
In Europa sempre meno gas: costretti a stare al gioco di Russia e Usa
quoted business

In Europa sempre meno gas: costretti a stare al gioco di Russia e Usa

Energie & Risorse
Tra Russia e Francia scoppia la guerra delle bollicine

Tra Russia e Francia scoppia la guerra delle bollicine

Global

La variante Delta cresce ovunque. Dagli Usa a Israele, dall’Europa alla Russia

La Banca centrale europea: “La ripresa si rafforza. Ma sale l’incertezza dalle varianti”. Un numero crescente di governi si ritrova costretto a posticipare le riaperture e in alcuni casi a reintrodurre limiti agli spostamenti. In Israele tornano le mascherine al chiuso. [continua ]

Life
quoted business

Londra: “Kiev può colpire la Russia con le nostre armi”. La replica di Mosca: “Pronti a rappresaglia contro i paesi Nato”. Cresce il timore che il conflitto si allarghi

Putin a Guterres: “All’Onu siamo tutti uguali. Mi sembra strano che qualcuno pensi di essere diverso o migliore. Senza Crimea e Donbass accordo impossibile”. Il segretario generale delle Nazioni Unite in missione a Mosca: “Posizioni distanti”. La Russia esclude la possibilità di un cessate il fuoco [continua ]

Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com