Il neo presidente della Cdu è un europeista fedelissimo di Merkel

Il governatore del Nordreno-Westfalia, Armin Laschet, guiderà il partito di Angela Merkel. Sarà probabilmente lui il prossimo cancelliere se riuscirà a stringere un’alleanza con i Verdi, in forte ascesa. Tra le sue prime parole: "Serve un capitano di squadra, non un amministratore delegato”

Il neo presidente della Cdu è un europeista fedelissimo di Merkel
Armin Laschet

Tra i tre candidati ha vinto il fedelissimo di Angela Merkel. Europeista e pro-migranti. È Armin Laschet, 59 anni, il governatore del Nordreno-Westfalia il nuovo presidente della Cdu, il più grande partito conservatore d’Europa.

È affidato a lui, Laschet, il non facile compito di mantenere la Cdu sul 37-38% dei consensi fino alle elezioni politiche del 26 settembre, quando il partito guidato a lungo da Angela Merkel potrebbe convergere in un’alleanza post-elettorale con i Verdi, partito dato in forte ascesa.

Laschet è anche il probabile candidato alla successione di Angela Merkel. La decisione sulla corsa alla cancelleria sarà presa in primavera, insieme alla sorella bavarese del partito, la Csu. Il candidato renano ha ricordato il padre minatore e ha punzecchiato il suo principale rivale Merz sostenendo che la Cdu debba rifiutare ogni estremismo, evitare di polarizzare: serve “un capitano di squadra, non un amministratore delegato”, con chiaro riferimento al passato nel fondo finanziario Blackrock del suo avversario Merz.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com