Andrea Nahles è la prima donna a guidare l'Spd, sceso nei sondaggi al 17%

La "Merkel" dei socialdemocratici tedeschi ha una reputazione da dura. Eletta segretario con il 66% dei voti dovrà risollevare le sorti del partito che si trova a fronteggiare una crisi storica

Andrea Nahles è la prima donna a guidare l'Spd, sceso nei sondaggi al 17%
Andrea Nahles eletta segretario dell'Spd il 22 aprile

Seppur con un margine di voti piuttosto deludente, Andrea Nahles, 47 anni, è la prima donna a guidare i socialdemocratici tedeschi (Spd). Il suo compito è arduo: tentare di guidare e, al contempo, riformare il partito.

Leader con il 66% dei voti

Dopo aver ottenuto un modesto 66,35% dai delegati dell’Spd riuniti nella città tedesca di Wiesbaden, in una domenica di aprile Nahles è diventata il leader del partito, che appena un anno fa aveva eletto all’unanimità Martin Schulz, per lungo tempo presidente del Parlamento europeo, come segretario e candidato cancelliere. Il risultato è stata una storica sconfitta elettorale, che ha diviso l’Spd e lasciato l’unica chance della “grosse koalition” con Cdu e Csu bavarese. L’accordo, tuttavia, ha lacerato il partito. È stata soprattutto l’ala più giovane a sentirsi tradita.

Parola chiave: “Solidarietà”

Ex ministro del lavoro nel precedente esecutivo, Nahles non è un membro del quarto governo Merkel. Può, dunque, dedicarsi a risollevare le sorti dei socialdemocratici, che nelle elezioni del 2017 hanno con difficoltà superato la barriera del 20%, salvo poi diminuire fino al 17% nei sondaggi. Secondo il Nahles pensiero, la parola chiave per uscire dal guado è: “Solidarietà, ovvero una delle più gravi mancanze in questo mondo globalizzato e neoliberista”.

Ripartire dai voti contrari

Nonostante la fermezza del neo-segretario sia fuori discussione, 210 dei 631 delegati hanno votato contro di lei. Il dato sta a significare che un segmento dell’Spd vuole qualcosa di nuovo e di diverso dalla “grosse koalition”. Sottovalutarlo potrebbe risultare fatale per Nahles, che invece dovrà ripartire da chi quella domenica non ha espresso la preferenza per lei.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com