Libia, conferenza nazionale il 14 aprile. Svolta vicina?

L'annuncio dell'inviato Salamé: si terrà 'sul suolo libico'. Intanto resta a rischio El Feel, il pozzo da cui l'Eni estrae gran parte del petrolio e del gas che giunge poi in Italia

Conferenza nazionale il 14 aprile. Svolta vicina?

La Conferenza nazionale della Libia, il primo passo stabilito dalla road map Onu per arrivare a elezioni nel tormentato paese nordafricano, si terrà dal 14 al 16 aprile. Lo ha annunciato l'inviato Onu, Ghassan Salamé. Lo svolgimento della conferenza era stato previsto inizialmente per gennaio al fine di consentire le elezioni già a giugno. Ma le divisioni tra le fazioni libiche, soprattutto quelle che appoggiano il premier Fayez al-Sarraj e il generale Khalifa Haftar, hanno ritardato i tempi.

Proprio quest’ultimo nel sud della Libia, con il sostegno della Francia, avanza e minaccia da vicino El Feel, il pozzo da cui l'Eni estrae gran parte del petrolio e del gas che giunge poi in Italia. A Tripoli il premier Fayez Al Serraj è ancora, invece, “ostaggio” delle milizie chiamate a difenderlo.

Emmanuel Macron, nonostante la guerra a Gheddafi voluta da Nicolas Sarkozy, sembra dunque vicino a strappare definitivamente all'Italia l'egemonia economica e l'influenza politica sull'ex colonia.  I segnali più preoccupanti per il nostro Paese arrivano dalla regione del Fezzan, dove l'Esercito Nazionale Libico, la formazione armata guidata da Haftar e fedele al governo di Tobruk, ha già preso il controllo di Sharara, uno dei principali pozzi della regione gestito dalla spagnola Repsol. Ma ora il generale potrebbe puntare gli occhi anche su El Feel, il pozzo gestito da Eni.

Ancora più diretto è stato il capo dell'Alto Consiglio di Stato, Khalid Al-Mishri, che ha accusato Egitto, Emirati Arabi Uniti e Francia di contribuire al prolungamento della crisi libica.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com