La Polonia punta a diventare il principale contribuente della Nato

Varsavia ha l’obiettivo di portare le spese militari in rapporto al Pil al 5%

Punta a diventare il principale contribuente della Nato

Jarosław Kaczyński, leader del partito Diritto e giustizia al potere in Polonia, ha dichiarato che il governo intende portare le spese militari al 5% del Pil.

In tal modo, Varsavia diverrebbe il principale contribuente della Nato in termini relativi – gli Stati Uniti si fermano al 3,5%, ovviamente in numeri assoluti i valori sono ben altri.

“L’obiettivo è far sì che la Russia non ci attacchi”, ha spiegato Kaczyński. Ciò significa che Varsavia non si sente sufficientemente protetta dalle garanzie della Nato.

La situazione attorno alla Polonia si complica. Confina già con la Russia a Kaliningrad, la Bielorussia si sta stringendo a Mosca, i russi potrebbero avanzare ulteriormente in Ucraina, accorciando pericolosamente la distanza di sicurezza nella percezione di Varsavia.

La Polonia sta inoltre assumendo il ruolo di tutrice di Kiev, aumentando il rischio un domani di trovarsi a contatto con le truppe del Cremlino.

Riarmandosi pesantemente Varsavia innesca anche una competizione indiretta con la Germania (che recentemente ha aumentato sensibilmente le spese militari) per avere voce in capitolo sulle decisioni della Nato. Chi più spende, più pesa.

Ma per la Polonia c’è un altro problema che non può essere facilmente modificato a botte di Pil. La popolazione invecchia rapidamente: nel 2021 il tasso di ricambio naturale (nati meno decessi) è stato il peggiore in Europa (-188 mila) dopo Germania e Italia. Meno giovani, meno reclute.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Stop della Russia al gas per Polonia e Bulgaria

Stop della Russia al gas per Polonia e Bulgaria

Strategie & Regole
quoted business

Londra: “Kiev può colpire la Russia con le nostre armi”. La replica di Mosca: “Pronti a rappresaglia contro i paesi Nato”. Cresce il timore che il conflitto si allarghi

Putin a Guterres: “All’Onu siamo tutti uguali. Mi sembra strano che qualcuno pensi di essere diverso o migliore. Senza Crimea e Donbass accordo impossibile”. Il segretario generale delle Nazioni Unite in missione a Mosca: “Posizioni distanti”. La Russia esclude la possibilità di un cessate il fuoco [continua ]

Strategie & Regole
Spesa militare, gli Usa investono oltre 12 volte in più della Russia

Spesa militare, gli Usa investono oltre 12 volte in più della Russia

Strategie & Regole
La Polonia chiede una missione di pace armata della Nato
quoted business

La Polonia chiede una missione di pace armata della Nato

Strategie & Regole
quoted business

Mosca esce dal Consiglio d’Europa: “I paesi della Nato e l’Ue ostili alla Russia. Lasciamo che si divertano a comunicare tra loro”

La frattura tra la Federazione russa e l’Occidente appare sempre più irreversibile. Ma cosa è il Consiglio d’Europa? [continua ]

Strategie & Regole
quoted business

Cina: “Gli Usa smettano di creare conflitti e farsi nemici. La Nato è una sfida sistemica alla pace e alla stabilità mondiali”. Usa: “Possibile che Mosca usi armi nucleari”. Russia: “Risponderemo se la Nato schiera truppe in Svezia e Finlandia”

Usa-Russia-Cina: il quadro si complica? [continua ]

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com