Da una buccia di banana il biometano per auto

Mangi una banana, butti la buccia nel contenitore dell'organico e qualche settimana dopo diventerà metano in grado di far viaggiare l’auto

Da una buccia di banana il biometano per auto

Mangi una banana, butti la buccia nel contenitore dell’organico e qualche settimana dopo, proprio quella buccia, ti permetterà di mettere in moto l’auto. 

Per il Gruppo Hera, la multiutility bolognese attiva nei settori rifiuti, acqua e luce, dare impulso all’economia circolare rientra tra i principali obiettivi. È così che nasce l’impianto di Sant’Agata Bolognese per la produzione di biometano dalla frazione organica dei rifiuti solidi urbani.

37 i milioni di euro investiti e nessun ulteriore consumo di suolo: la struttura nasce su un’area dove esisteva già un sito di compostaggio. A Sant’Agata confluiscono rifiuti organici da raccolta differenziata da Bologna, Modena e in parte Ferrara. Sono circa 100 mila tonnellate l’anno, a cui si aggiungono 35 mila tonnellate di sfalci e potature provenienti da parchi e giardini.

Il rifiuto triturato e vagliato rimane per circa 21 giorni in quattro digestori orizzontali, chiusi ermeticamente, in cui i microrganismi compiono il processo di biodigestione anaerobica producendo biogas che, in un secondo momento, viene sottoposto a raffinazione. Conclusa la fase di upgrading si ottiene il biometano.

“In un anno siamo in grado di ottenere 7,5 milioni di metri cubi di biometano, combustile rinnovabile al 100%, - spiega Stefano Ghetti, responsabile della business unit compostaggio e digestori di Herambiente - evitando così il consumo di 6 mila tonnellate di petrolio e l’emissione di 14.600 tonnellate di CO2.”

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Parte la fase 3. Mobilità libera tra le regioni. Restano alcuni obblighi

quoted business

Parte la fase 3. Mobilità libera tra le regioni. Restano alcuni obblighi

Strategie & Regole

CO2, l’Eni insiste. Vuole stoccare 500 mln di tonnellate sotto il mare a Ravenna

Il cosiddetto ‘Carbon Capture and Storage’ divide esperti, scienziati e ambientalisti. Tra chi lo ritiene uno strumento imprescindibile per far tornare l’anidride carbonica nell’atmosfera a livelli preindustriali e chi pensa che investire soldi su tali tecniche non farà altro che ritardare la transizione verso le energie rinnovabili a emissioni zero. [continua ]

Planet
Coronavirus, stop al lavoro e alla mobilità nelle zone focolaio

quoted business

Coronavirus, il governo decide lo stop al lavoro e alla mobilità nelle zone focolaio

Life
Ammontano a 4.200 mld i risparmi degli italiani. E 1/3 è ‘fermo’ sui conti

Ammontano a 4.200 mld i risparmi degli italiani. E 1/3 è ‘fermo’ sui conti correnti

Planet

Greenpeace, Legambiente e Wwf: “Nel PNRR ci sono misure scritte sotto dettatura di Eni”

“Da mesi chiediamo un Piano Nazionale Ripresa e Resilienza partecipato per evitare un PNRR ‘delle partecipate’, come alcune indiscrezioni delle ultime settimane lasciavano temere. Leggendo la seconda bozza del Piano, datata 29 dicembre, siamo stati ampiamente smentiti. Abbiamo, infatti, a che fare con un Piano che contiene diverse misure che sembrano scritte sotto dettatura solo da una azienda parzialmente statale, ossia Eni.” [continua ]

Planet
Lo sviluppo del Sud? Può ripartire dai rifiuti

Lo sviluppo del Mezzogiorno? Può ripartire dai rifiuti

Planet

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com