Da una buccia di banana il biometano per auto

Mangi una banana, butti la buccia nel contenitore dell'organico e qualche settimana dopo diventerà metano in grado di far viaggiare l’auto

Da una buccia di banana il biometano per auto

Mangi una banana, butti la buccia nel contenitore dell’organico e qualche settimana dopo, proprio quella buccia, ti permetterà di mettere in moto l’auto. 

Per il Gruppo Hera, la multiutility bolognese attiva nei settori rifiuti, acqua e luce, dare impulso all’economia circolare rientra tra i principali obiettivi. È così che nasce l’impianto di Sant’Agata Bolognese per la produzione di biometano dalla frazione organica dei rifiuti solidi urbani.

37 i milioni di euro investiti e nessun ulteriore consumo di suolo: la struttura nasce su un’area dove esisteva già un sito di compostaggio. A Sant’Agata confluiscono rifiuti organici da raccolta differenziata da Bologna, Modena e in parte Ferrara. Sono circa 100 mila tonnellate l’anno, a cui si aggiungono 35 mila tonnellate di sfalci e potature provenienti da parchi e giardini.

Il rifiuto triturato e vagliato rimane per circa 21 giorni in quattro digestori orizzontali, chiusi ermeticamente, in cui i microrganismi compiono il processo di biodigestione anaerobica producendo biogas che, in un secondo momento, viene sottoposto a raffinazione. Conclusa la fase di upgrading si ottiene il biometano.

“In un anno siamo in grado di ottenere 7,5 milioni di metri cubi di biometano, combustile rinnovabile al 100%, - spiega Stefano Ghetti, responsabile della business unit compostaggio e digestori di Herambiente - evitando così il consumo di 6 mila tonnellate di petrolio e l’emissione di 14.600 tonnellate di CO2.”

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com