Spesi ogni anno 19,8 mld in sussidi dannosi per l’ambiente

Molti parlano di greeneconomy, ma si continua a foraggiare imprese e famiglie con ‘sussidi ambientalmente dannosi’ che rappresentano un costo per la società, perché alterano le decisioni di spesa di imprese e consumatori

Spesi ogni anno 19,8 mld in sussidi dannosi per l’ambiente

Il Catalogo del Ministero dell’Ambiente ha rendicontato per il 2018 19,8 miliardi di sussidi ambientalmente dannosi (Sad), per il 90% sussidi alle fonti fossili.

I beneficiari sono imprese (per 3,8 miliardi) e famiglie (2,8 mld). Quote consistenti vanno al settore dei trasporti (circa 4 mld), a quello energetico (2,1 mld) e agricolo (1,7). 5,1 mld scaturiscono dal differente trattamento fiscale del gasolio rispetto alla benzina.

Si tratta spesso di sussidi introdotti sulla base di obiettivi sociali condivisibili (come ad esempio quelli concessi alle famiglie per il riscaldamento domestico) o nati per sostenere la competitività delle imprese (riducendo i costi dell’approvvigionamento energetico), in fasi storiche in cui l’attenzione sulle tematiche ambientali era minore.

In altri casi, i sussidi hanno invece creato posizioni di privilegio e di rendita e rappresentano un aiuto ingiustificato a determinati imprese e settori (come nel caso delle esenzioni delle royalties delle estrazioni di petrolio o gas delle compagnie petrolifere).

È certo però che, a fronte di una quantificazione delle spese dirette per lo Stato, non esiste una stima attendibile dei costi sostenuti ogni anno in termini di risorse pubbliche destinate a rimediare alle conseguenze negative delle produzioni sussidiate: emissione di CO2, insorgere di malattie e patologie connesse, costi di ospedalizzazione, bonifiche dei territori, riciclo dei materiali, ecc.

I Sad rappresentano dunque un costo per la società, perché alterano le decisioni di spesa di imprese e consumatori mettendo pressione sulle risorse e sull’ambiente. 

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com