Agricoltura e zootecnia divorano le risorse naturali: così non va

Studio dell’Università della Tuscia: in Italia agricoltura e zootecnia sono nel loro insieme insostenibili e creano un deficit fra domanda e offerta di risorse naturali

Agricoltura e zootecnia divorano le risorse naturali: così non va

Allevamenti intensivi e agricoltura stanno consumando una volta e mezza le risorse naturali dei terreni agricoli italiani e i primi da soli richiedono il 39% delle risorse agricole italiane solo per compensare le emissioni di gas serra derivate da deiezioni e fermentazione enterica degli animali allevati. Lo rivela uno studio condotto da ricercatori dell’Università degli Studi della Tuscia.

“In Italia agricoltura e zootecnia sono nel loro insieme insostenibili - spiega Silvio Franco (Università della Tuscia e autore dello studio) - e creano un deficit fra domanda e offerta di risorse naturali”.

L’indicatore utilizzato - spiega Greenpeace in un comunicato - è l'impronta ecologica, che stima l’impatto di un dato settore in rapporto alla capacità del territorio (biocapacità) di fornire le risorse necessarie e assorbire i rifiuti o le emissioni prodotte.

Più della metà dell’impronta ecologica del settore zootecnico dipende dalle regioni del Bacino Padano e quello della Lombardia contribuisce da solo per oltre un quarto all’impatto nazionale e sta divorando il 140% della biocapacità regionale. La Lombardia dovrebbe avere una superficie agricola di quasi una volta e mezzo quella attuale per compensare le sole emissioni degli animali allevati sul suo territorio.

L’elevata densità di capi in un territorio con limitata bioproduttività è una condizione che si ritrova anche in altre regioni padane: Veneto (64%), Piemonte (56%), Emilia-Romagna (44%). A sud, prima per percentuale di impatto è la Campania (52%).

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Greenpeace, Legambiente e Wwf: “Nel PNRR ci sono misure scritte sotto dettatura di Eni”

“Da mesi chiediamo un Piano Nazionale Ripresa e Resilienza partecipato per evitare un PNRR ‘delle partecipate’, come alcune indiscrezioni delle ultime settimane lasciavano temere. Leggendo la seconda bozza del Piano, datata 29 dicembre, siamo stati ampiamente smentiti. Abbiamo, infatti, a che fare con un Piano che contiene diverse misure che sembrano scritte sotto dettatura solo da una azienda parzialmente statale, ossia Eni.” [continua ]

Planet

Agi

Il Congo è lo stato africano più ricco di risorse naturali. Ma la popolazione è poverissima

Rame, cobalto, coltan, diamanti, oro, zinco, uranio, stagno, argento, carbone, manganese, tungsteno, cadmio, petrolio e legno: risorse che si trovano in abbondanza nel paese africano e che fanno gola a mezzo mondo. Ma il Pil pro-capite è pari a circa 450 dollari, tra i più bassi a livello globale, e l’indice di sviluppo umano è 0,433 che colloca la Repubblica Democratica del Congo al 176° posto nella classifica mondiale. [continua ]

Energie & Risorse

CO2, l’Eni insiste. Vuole stoccare 500 mln di tonnellate sotto il mare a Ravenna

Il cosiddetto ‘Carbon Capture and Storage’ divide esperti, scienziati e ambientalisti. Tra chi lo ritiene uno strumento imprescindibile per far tornare l’anidride carbonica nell’atmosfera a livelli preindustriali e chi pensa che investire soldi su tali tecniche non farà altro che ritardare la transizione verso le energie rinnovabili a emissioni zero. [continua ]

Planet
Ammontano a 4.200 mld i risparmi degli italiani. E 1/3 è ‘fermo’ sui conti

Ammontano a 4.200 mld i risparmi degli italiani. E 1/3 è ‘fermo’ sui conti correnti

Planet
Lo sviluppo del Sud? Può ripartire dai rifiuti

Lo sviluppo del Mezzogiorno? Può ripartire dai rifiuti

Planet
Foreste ben gestite assorbono il 30% di CO2 in più

Foreste ben gestite assorbono il 30% di CO2 in più

Planet

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com