Dieselgate, vertici Volkswagen sotto accusa: "Manipolazione del mercato"

L'ad Herbert Diess, il suo predecessore Martin Winterkorn e il presidente Dieter Poetsch accusati di avere informato gli investitori troppo tardi

Dieselgate, vertici Vw sotto accusa: "Manipolazione del mercato"

Lo scandalo dieselgate continua a scuotere Volkswagen e arriva a sfiorare anche l’attuale ceo del colosso automobilistico Herbert Diess. 

La procura di Braunschweig ha citato in giudizio la dirigenza di Vw per manipolazione del mercato, accusandoli di aver informato “deliberatamente troppo tardi” sui rischi del dieselgate gli investitori nel 2015. 

In particolare la procura ha citato in giudizio, oltre a Diess, il presidente del Consiglio di sorveglianza Dieter Poetsch, e l’ex ad Martin Winterkorn. Nell’atto di accusa di 636 pagine emerge che Winterkorn aveva “piena conoscenza del caso al più tardi dal maggio 2015, Poetsch da giugno e Diess da luglio”. Ovvero, per tutti e tre, prima della pubblicazione della “Notice of violation” da parte delle autorità Usa il 18 settembre di quell’anno.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com