Si ferma ancora la storica fabbrica Volkswagen di Wolfburg. Non c’è domanda

Due linee di assemblaggio saranno completamente chiuse e una avrà orario ridotto per quattro giorni, dal 15 maggio

Si ferma ancora la storica fabbrica Vw di Wolfburg. Non c’è domanda

Il Gruppo Volkswagen interromperà parte della produzione per alcuni giorni a causa della debole domanda di auto.

Nella storica fabbrica di Wolfsburg due linee di assemblaggio saranno completamente chiuse e una avrà orario ridotto per quattro giorni. Lo stop riguarda in particolare i modelli Golf e Tiguan.

“I clienti non sono interessati all’acquisto di auto e i depositi in cui sono immagazzinati i veicoli prodotti stanno già raggiungendo i loro limiti”, aveva già avvertito alla fine di aprile il presidente del Comitato aziendale, Bernd Osterloh.

La crisi dell’auto non riguarda solo Vw. Moody’s ha tagliato le previsioni per il mercato automobilistico globale e ora prevede che le vendite nel 2020 diminuiranno del 20%, con un calo del 30% in Europa, del 25% negli Stati Uniti, e del 10% in Cina.

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com