Il gigante dell’acciaio Kobe Steel ha falsificato i dati sulla qualità. Coinvolta Mitsubishi

Kobe Steel ha falsificato i dati sulla qualità dell'acciaio
Il logo di Kobe Steel all'esterno del quartier generale a Tokyo

Kobe Steel ha ammesso di aver falsificato i dati delle ispezioni riguardanti 20.000 tonnellate di metalli utilizzati negli aerei e nelle automobili. Tra questi, anche il Mitsubishi Regional Jet.

I prodotti interessati comprendono 19.300 tonnellate di piastre in acciaio; 2.200 tonn. di prodotti in rame; e 19.400 parti in alluminio fuso e forgiato.

Lo scandalo è un colpo duro da assorbire per il terzo produttore di acciaio più grande del Giappone e alimenta forti preoccupazioni in merito al controllo di qualità.

“Siamo profondamente pentiti di aver causato questo grave incidente e ci scusiamo per aver creato tanta preoccupazione”, ha detto il vice presidente Naoto Umehara. A parte ciò Kobe Steel non ha fornito alcuna informazione sull’ “incidente”, così come l’impatto sugli utili non è ancora noto.

Mitsubishi Heavy Industries ha ammesso che l'alluminio usato nel jet è stato tra le spedizioni bollate con dati falsificati. Tuttavia, non sembra esserci alcun problema di sicurezza e la consegna del jet (che al momento è in corso di certificazione negli Stati Uniti dopo uno sviluppo complesso) è confermata.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com