Una ‘Hydrogen Valley’ alle porte di Roma

Realizzare la prima Hydrogen Valley italiana alle porte di Roma, a Casaccia, dove sviluppare una filiera nazionale per la produzione, il trasporto, l’accumulo e l’utilizzo di idrogeno. Il progetto è ideato dall’Enea con l’obbiettivo di dar vita al primo incubatore tecnologico italiano per lo sviluppo dell’idrogeno, in collaborazione con università, istituti di ricerca, associazioni e imprese.

Una ‘Hydrogen Valley’ alle porte di Roma

La Hydrogen Valley nasce con un investimento da 14 milioni di euro proveniente da ‘Mission Innovation’, programma internazionale con 22 paesi e l’Ue per la ricerca sulle tecnologie pulite.

Attualmente l’idrogeno verde può essere ottenuto da diverse fonti di energia rinnovabile, come il fotovoltaico e l’eolico. L’Enea sperimenterà nuove tecnologie per la produzione, attraverso l’utilizzo dei rifiuti (biomasse residuali) e l’impiego del calore rinnovabile a media-alta temperatura prodotto da impianti solari a concentrazione.

All’interno dell’incubatore potrà essere utilizzato idrogeno puro e in miscela con gas naturale per la produzione di energia elettrica. Verrà studiata la produzione di idrogeno con l’energia elettrica generata da fonti rinnovabili. Sono inoltre previsti progetti per la decarbonizzazione dell’industria, in particolare quella ad alta intensità energetica, ma anche dei trasporti pesanti su gomma e ferroviari alimentati ancora a diesel.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com