L’Europa paga carissimo il Gnl statunitense. Ma la responsabilità principale è delle aziende europee

Sebbene la differenza tra i prezzi del gas negli Stati Uniti e nell’Ue non sia passata inosservata ai politici europei, il dito è stato puntato contro i produttori americani. Ma i dati sembrano evidenziare un'altra, amara, verità.

L’Europa paga carissimo il Gnl statunitense. Ma la colpa non è ...

Nell’Ue sale la pressione per limitare il prezzo del gas naturale importato per contenere i costi energetici, ma molte delle aziende che fanno fortuna vendendo gas americano a buon mercato nel continente a prezzi da far venire l’acquolina in bocca sono europee.

Il gas naturale liquefatto (Gnl) caricato sulle petroliere nei porti statunitensi costa quasi quattro volte di più dall’altra parte dell’Atlantico, in gran parte a causa della perturbazione del mercato causata da una perdita quasi totale delle consegne russe a seguito dell’invasione dell’Ucraina.

La Commissione europea è stata sottoposta a forti pressioni per delineare un piano per fissare un tetto al prezzo del gas, ma alcuni paesi, guidati dalla Germania, temono che una tale misura possa indurre gli esportatori statunitensi a inviare carichi di gas altrove. Anche la Commissione è riluttante e la sua proposta pubblicata nei giorni scorsi stabilisce requisiti così stringenti che difficilmente entrerà in funzione.

Ma gran parte del commercio è in realtà nelle mani delle aziende europee, secondo il più grande esportatore di Gnl americano. “Il novanta percento di tutto ciò che produciamo viene venduto a terzi e la maggior parte dei nostri clienti sono società di pubblica utilità: Enel, Endesas, Naturgys, Centricas ed Engies”, ha affermato Corey Grindal, vicepresidente esecutivo per il commercio mondiale di Cheniere Energy, snocciolando i nomi dei grandi fornitori di energia europei.

Cheniere, che quest’anno ha visto il 70% del suo Gnl esportato in Europa, vende il suo gas a un prezzo fisso basato sul prezzo di riferimento americano, denominato Henry Hub, che attualmente è di circa 6 dollari per milione di unità termiche britanniche. Ovvero circa 33 euro per megawattora. Per fare un confronto, l’attuale tasso di riferimento dell’Ue, il famigerato Ttf , è di 119 euro per MWh.

Si tratta di un grosso margine per chiunque rivenda quei carichi di Gnl nel mercato all’ingrosso europeo, approfittando dei timori che potrebbe non esserci abbastanza gas per durare l’inverno. Sebbene la differenza tra i prezzi del gas negli Stati Uniti e nell’Ue non sia passata inosservata ai politici europei, il dito è stato puntato contro i produttori americani piuttosto che i rivenditori comunitari. Ma i dati sembrano evidenziare un'altra, amara, realtà. O meglio, la speculazione è alimentata su entrambi i fronti, statunitense ed europeo; tuttavia, i prezzi stratosferici del gas nel Vecchio Continente appaiono perolopiù determinati dai distributori comunitari.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

L’Europa ‘salvata’ dal Gnl americano. Ma è un boomerang per Biden
quoted business

L’Europa ‘salvata’ (a caro prezzo) dal Gnl americano. Ma è un boomerang per Biden

Energie & Risorse
Gli Stati Uniti stavano esportando in Europa il triplo di Gazprom
quoted business

Prima dello stop deciso da Mosca, gli Stati Uniti stavano esportando in Europa il triplo di Gazprom

Energie & Risorse

Francia: “Inaccettabile che gli Usa ci vendano il loro Gnl a un prezzo quadruplicato rispetto a quello americano”

Il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire: “La guerra in Ucraina non deve sfociare in una dominazione economica americana e in un indebolimento dell’Unione europea”. [continua ]

Energie & Risorse
Energia, l’Europa: presa a schiaffi da Mosca. E da Washington
quoted business

Energia, il ricatto contro l’Europa: presa a schiaffi da Mosca. Ma anche da Washington

Energie & Risorse

La Cina potrebbe fare con il resto del mondo quello che la Russia sta facendo contro l’Europa

Pechino detiene il 93% delle scorte mondiali di rame, il 74% di quelle di alluminio, il 68% di quelle di mais e il 51% di quelle di frumento. Eppure l’attività estrattiva in Cina è limitata. Come si spiega allora questo dominio? [continua ]

Energie & Risorse

Se l’Europa vuole azzerare l’economia russa, solo con l’embargo del gas può riuscirci

Se l’Europa è disposta a sostituire il gas russo con maggiore import di gas naturale liquefatto, ben più costoso, potrebbe minare gravemente la capacità della Russia di guadagnare valuta forte attraverso le esportazioni di gas con le quali Vladimir Putin finanzia anche la guerra in Ucraina. Ma questa scelta comporterebbe costi elevati e duraturi anche per l’Europa. [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com