La centrale dei desideri all'incontrario va

A Houston la prima centrale che usa il più pericoloso degli inquinanti come motore della propria turbina. E guadagna due volte: dall'energia prodotta e dalla CO2 sequestrata

Texas, la centrale dei desideri all'incontrario va

È come se andare contromano in autostrada non ti costasse la vita e neanche una super multa, ma, anzi, vita integra come prima e pure un bel premio. Oppure, è come se essere aggredito e preso a ceffoni non si risolvesse in ecchimosi e fratture, ma, al contrario, in una dose di un elisir ringiovanente. È il mondo al contrario, quello che si sta sperimentando a pochi passi da Houston, in Texas, dove da una cosa brutta sta per uscire una cosa bella.

In tutto il mondo le centrali termoelettriche “mangiano” miscele più o meno combinate di gas (aria e gas naturale), fanno girare le turbine e restituiscono energia con uno scarto residuale di anidride carbonica nell'atmosfera. Il progresso della scienza, dalle prime turbine a gas degli anni ‘40 fino alla ultime “a ciclo combinato” (una alimentata a gas e, in successione, una seconda a vapore generato dai gas combusti della prima fase), è stato nel solco di una restituzione massima di energia e minima di carbonio.

Nella centrale prototipo di La Porte si sperimenta il traguardo massimo possibile. L'utilizzo, come “fluido di lavoro” dell'anidride carbonica pura (diossido di carbonio), ovvero proprio ciò che le centrali convenzionali emettono come sottoprodotto nell'atmosfera. Ex malo bonum, diceva Sant'Agostino, 1600 anni fa. E sarebbe proprio così: dal male il bene. Qualora, a fine sperimentazioni, la centrale dovesse operare, sarebbe un incredibile successo dell'uomo sulla natura: prendere combustibili fossili inquinanti (la CO2 è il derivato della combustione), ne estrai energia, con zero emissioni nocive.

La centrale della Net Power, società della North Carolina, infatti, reimpiega – generando quindi un extra-profitto - anche quella parte di anidride carbonica che pur rimarrà come sottoprodotto. Il tutto a costo zero, mentre finora la “cattura e il sequestro” del carbonio emesso era un sovracosto per le centrali convenzionali e costituiva un perdita del 20% della produzione elettrica.

È una centrale unica al mondo, dunque, che si stacca anche da altre elettro-avanguardie negli Stati Uniti. In effetti, altri impianti di ultima generazione fanno passi in avanti consistenti nel sequestro della CO2, come la centrale di Petra Nova, per ironia della sorte sempre a Houston, la quale però ha avuto bisogno di ingenti fondi statali ed è costata 1 miliardo di dollari, quasi 6 volte di più della vicina Net Power.

Quest'ultima è, invece, frutto di soli capitali privati statunitensi doc, provenienti da tre società che hanno investito 140 milioni di dollari e che, sempre nella logica del “controcorrente”, riceveranno contributi pubblici “dopo”, come premio del ciclo di sequestro degli inquinanti. Iper-veloce la realizzazione dell'impianto: progetto chiuso nel 2016, primo mattone nella primavera 2017. “Tutto sta funzionando bene” dicono gli ingegneri. Il termine dei test è previsto a breve e la produzione di energia dovrebbe scattare a fine anno.

Articolo precedentemente pubblicato su LA STAMPA

Fonte

Articoli correlati

Una macchina termica per produrre energia dallo spazio

Una macchina termica per produrre energia dallo spazio

Energie & Risorse
La domanda di energia cresce, ma anche le emissioni

BP

La domanda di energia cresce, ma anche le emissioni

Energie & Risorse

Cbs

Ford, gli Usa aprono un'inchiesta federale sulle emissioni

Il Dipartimento di giustizia statunitense ha aperto un'inchiesta sulla Ford. Al vaglio degli investigatori il processo di certificazione delle emissioni. Ad ammetterlo è la stessa casa automobilistica di Detroit. Lo scorso settembre erano stati rilevati da un gruppo di dipendenti possibili anomalie con il sistema usato per calcolare le emissioni inquinanti e il consumo delle automobili. Per questo Ford aveva ingaggiato un'azienda esterna per condurre dei test specifici. [continua ]

Mobilità
Muro con il Messico, Trump: “Bye Bye”

quoted business

Muro, Trump al Congresso: “Bye Bye”. Verso emergenza nazionale e fondi dirottati da Texas e Porto Rico

Global
California, più è green più cresce

California, più è green più cresce. Le emissioni sono stazionarie, mentre il Pil aumenta

Planet

Energia termonucleare, la rivoluzione è più vicina?

La fusione nucleare controllata è un tentativo di imitare le reazioni del Sole per ottenere una fonte energetica rinnovabile ed ecologica. Ma è necessario portare i nuclei degli atomi di idrogeno a fondersi e a formare un atomo di elio. In questa reazione, secondo gli scienziati, si sprigiona una grande quantità di energia. Il problema è che i nuclei atomici per fondersi devono superare la barriera di Coulomb e per fare questo necessitano di energia, dunque di calore. [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com