Irpef a tre aliquote: "Al massimo risparmi per 41 euro al mese"

La proposta con tre scaglioni avanzata in questi giorni si rivelerebbe un beneficio per pochi

Irpef a tre aliquote: "Al massimo 41 euro al mese di risparmi"

La riduzione delle aliquote Irpef da cinque a tre, tra le ipotesi al vaglio del governo in alternativa alla cosiddetta flat tax, porterebbe un vantaggio solo a pochi lavoratori dipendenti e pensionati: a 30 mila euro di reddito il beneficio sarebbe di 41 euro mensili, a 20 mila di solo 15 euro. Un supersconto, di oltre 3 mila euro, si avrebbe solo con redditi superiori a 100 mila euro, che riguardano l'1,18% dei dipendenti e pensionati.

A fare i conti è uno studio della Uil. "La simulazione dimostra - è scritto nel rapporto - che per oltre 16,7 milioni di lavoratori, il 76,87% del totale, l'impatto sarebbe nullo o minimo".

Lo studio ha confrontato l'ipotesi di una revisione dell'Irpef per i soli redditi da lavoro dipendente e assimilati con una riduzione a 3 del numero delle aliquote: 23% per lo "scaglione" di reddito compreso tra 10 mila e 28 mila euro; 37% tra 28 mila e 100 mila euro; 42% per i redditi superiori a 100 mila euro.

L'elaborazione mostra che con la sola riduzione dell'Irpef a 3 aliquote non si genera alcun impatto per i redditi fino a 15 mila euro lordi annui, che caratterizzano il 18,91% di pensionati e lavoratori dipendenti (in totale 4,1 milioni di persone).

Pochi benefici, invece, per la fascia tra i 15 mila e i 29 mila euro di reddito, che rappresenta il 57,96% dei contribuenti con redditi da lavoro dipendente e da pensione (in termini assoluti 12,6 mln di dipendenti).

Superata questa soglia i redditi diventano più alti e il numero di dipendenti e pensionati scende. Tra 29 mila e 100 mila euro di reddito ci sono 4,7 milioni di dipendenti e pensionati (il 21,89% del totale). Per loro lo sconto passa progressivamente da 590 euro (per chi è a quota 35 mila euro di reddito) a 1.890 euro l'anno (quota 80 mila euro).

Un alleggerimento consistente arriva invece per i redditi dei dipendenti e dei pensionati più ricchi, quelli sopra i 100 mila euro. Si tratta appena di 258 mila contribuenti, pari all'1,18% del totale dei dipendenti. Per loro lo sconto supera i 3 mila euro.

Dallo studio emerge che la differenza tra l'attuale imposta e l'ipotetica Irpef a 3 aliquote sia a tutto vantaggio dei redditi più elevati. Per la Uil la via da seguire per ridurre le tasse ai lavoratori dipendenti e pensionati è agire sulle detrazioni specifiche.

Fonte

Articoli correlati

Ecco come sarà la flat tax: aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Ecco come sarà la flat tax: aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Finanza pubblica
Salvini vuole imitare Trump. E sfida Bruxelles: "La flat tax si farà"

quoted business

Salvini vuole imitare Trump. E sfida l'Ue: "La flat tax si farà"

Finanza pubblica

quoted business

M5s a Salvini: “Ok alla flat tax in deficit”

“Il progetto sulla flat tax non è ancora arrivato a Palazzo Chigi”, osserva Conte. Salvini continua ad insistere, sottolineando che anche il governatore della Banca d’Italia ha parlato della necessità di uno choc fiscale. “La proposta della Lega di finanziare in deficit la flat tax ci trova favorevoli. A maggior ragione se, come apprendiamo, Tria già condivide questa idea: ben venga il regime fiscale al 15% per i redditi fino ai 65.000 euro”, la risposta in parte inattesa del M5s. [continua ]

Finanza pubblica
Def: no all’aumento dell'Iva e flat tax per il ceto medio

quoted business

Italia, Def: no all’aumento dell'Iva e flat tax per il ceto medio

Finanza pubblica
Flat tax, reddito, pensioni, "pace fiscale": ecco la manovra giallo-verde

quoted business

Flat tax, reddito, pensioni, "pace fiscale": le misure della manovra giallo-verde

Finanza pubblica

Sconfiggere l’evasione fiscale (adesso) si può

Perché in Italia è così difficile ridurre l’evasione fiscale? È un problema tecnico o politico? Una cosa è invece certa: contrastare in modo esplicito un’evasione di massa come quella italiana può costare milioni di voti. È pur vero che il tessuto industriale italiano è composto per la stragrande maggioranza di piccole e medie imprese, che potrebbero non riuscire a sopportare un alto carico fiscale necessario a finanziare un sistema di welfare. [continua ]

Finanza pubblica

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com