Flat tax al 15%? Nessun beneficio per chi guadagna meno di 26 mila euro

Centro Europa Ricerche: "Il 15% evoca un'imposizione molto più bassa dell'attuale. Non è però così. La vigente struttura dell'Irpef, basata su deduzioni e detrazioni, fa sì che le aliquote effettive siano molto inferiori a quelle legali"

Flat tax al 15%? Nessun beneficio per chi guadagna meno di 26 mila euro

Un chiaro vantaggio, ma per i contribuenti che si trovano in una fascia di reddito più agiata rispetto a quelle più povere. È l'impatto della Flat tax calcolato dal Cer (Centro Europa Ricerche).

A livello individuale beneficerebbero dalla flat tax "solo" i contribuenti fra 26 e 55 mila euro. Si tratta di "circa 8,2 milioni", un quinto del totale. "La perdita di gettito sarebbe di 16 miliardi", al netto di interventi sulla struttura di deduzioni e detrazioni, che complessivamente ammontano, per i redditi compresi fra 26 e 55 mila euro, "a oltre 30 mld".

Spiega il Cer che "apparentemente, il 15% evoca un'imposizione molto più bassa dell'attuale. Non è però così, dal momento che l'attuale struttura dell'Irpef, basata sul riconoscimento di deduzioni e detrazioni, fa sì che le aliquote effettive siano molto inferiori a quelle legali. Con specifico riferimento all'aliquota del 15%, tale livello di imposta è di fatto già vigente per i contribuenti con redditi fino a 26 mila euro".

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com