Italia, la riforma del catasto attribuirà valori di mercato agli immobili. Ma non ai fini fiscali

Draghi: “Nessuno pagherà di più o dimeno. È una operazione di trasparenza, ma non cambia l’imposizione fiscale sugli immobili e sui terreni”. Il governo, che deve tenere conto dei malumori della Lega, rinvia al prossimo esecutivo la scelta se e come variare la tassazione.

La riforma del catasto attribuirà valori di mercato agli immobili. Ma ...

I nuovi dati sugli immobili dovranno essere disponibili dal 1 gennaio 2026 e comunque “non” serviranno a determinare la base imponibile dei tributi, “la cui applicazione si fonda sulle (attuali, ndr) risultanze catastali”. È quanto si legge nella bozza della delega sulla riforma fiscale approvata dal Consiglio dei Ministri.

Con la delega fiscale, passata in CdM che ha visto l’assenza della Lega, il governo punta a una “modernizzazione degli strumenti di mappatura degli immobili e revisione del catasto”. Tra gli interventi previsti, “una modifica della disciplina relativa al sistema di rilevazione catastale al fine di modernizzare gli strumenti di individuazione e di controllo delle consistenze dei terreni e dei fabbricati”.

In sintesi, a ciascuna unità immobiliare, oltre alla rendita catastale così come avviene ora, bisognerà attribuire anche “il relativo valore patrimoniale e una rendita attualizzata in base, ove possibile, ai valori normali espressi dal mercato”.

In questo senso, andranno anche previsti meccanismi di “adeguamento periodico” in relazione alle mutazioni delle condizioni del mercato immobiliare.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com