Solo lo 0,5% dei fondi “sostenibili” è idoneo

Uno studio dell’Esma spiega che solo una piccolissima quota dei fondi europei considerati sostenibili soddisfa i criteri dell’Ecolabel

Solo lo 0,5% dei fondi “sostenibili” è idoneo

Soltanto lo 0,5% dei fondi commercializzati come sostenibili in Europa soddisfa i criteri per ottenere l’Ecolabel. Si tratta dello strumento che l’Unione europea vuole utilizzare per aiutare gli investitori e i risparmiatori a comprendere quali siano i prodotti finanziari trasparenti e rispettosi di ambiente e diritti. A spiegarlo è uno studio dell’Esma, l’autorità europea che si occupa di regolamentare i mercati.

L’organismo comunitario ha tentato di applicare il “bollino” a tremila fondi d’investimento che, appunto, si presentano come sostenibili. Ovvero quelli classificati ‘articolo 8’ (light green; promuovono caratteristiche ambientali e sociali, ma collocano denaro anche in attività di altro tipo) e ‘articolo 9’ (dark green; i più verdi). Ciò secondo gli standard stabiliti dal regolamento Sustainable Finance Disclosure Regulation (SFDR).

Il risultato è sconfortante: la quasi totalità non risponde agli standard richiesti in materia di criteri ESG (ambientali, sociali e di governance).Fine modulo In termini assoluti, sono 26 i fondi d’investimento che rispettano quanto richiesto dall’Ecolabel (ovvero il ‘tasso di sostenibilità green’ pari ad almeno il 50%). Nello specifico, si tratta di dieci fondi ‘articolo 8’ e di 16 fondi ‘articolo 9’.

Non si tratta, tuttavia, del solo criterio preso in considerazione dall’Esma per poter ottenere l’Ecolabel europeo. Ad essere applicate sono infatti anche alcune metriche di esclusione specifiche. Che prendono in considerazione quando indicato dalla tassonomia europea delle attività economiche considerate sostenibili.

In generale, lo studio dell’autorità europea indica che ben il 73% dei fondi studiati presenta un’esposizione nei confronti delle fonti fossili. Il che impedisce già di per sé l’accesso al bollino.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

4 fondi d’investimento hanno il mondo in pugno

4 fondi d’investimento hanno il mondo in pugno

Moneta & Mercati
Una banca spagnola alza al 4 per cento la remunerazione dei depositi

Una banca spagnola alza al 4 per cento la remunerazione dei depositi. E gli istituti italiani?

Moneta & Mercati

La Spagna ha domato l’inflazione usando la politica fiscale

Un confronto tra Spagna e Regno Unito, dove l’inflazione sta scendendo troppo lentamente. Madrid invece ha dimostrato che il livello dei prezzi al consumo può essere tenuto sotto controllo evitando che l’economia vada in tilt. Ma se invece viene usata solo la leva dei tassi di interesse (come fa la Bce), i rischi recessivi aumentano sensibilmente. E gli effetti inflattivi si scaricano quasi completamente sui lavoratori. [continua ]

Moneta & Mercati
quoted business

L’aumento dei tassi di interesse è ormai un’arma spuntata?

La Banca centrale britannica vara il tredicesimo rialzo dei tassi di interesse (e non sarà l’ultimo). Anche Svizzera e Norvegia aumentano i tassi. [continua ]

Moneta & Mercati
“Le grandi lobby industriali ostacolano le politiche per la salute”

“Le grandi lobby industriali ostacolano le politiche per la salute”

Life

Primo attacco ucraino in Russia con i missili americani

È la prima prova visuale della rimozione delle restrizioni all’uso delle armi occidentali contro obiettivi militari in territorio russo. Mosca: “Attenzione a errori fatali”. [continua ]

Strategie & Regole

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com