Nobel all’economista Richard Thaler per aver reso più realistica l’analisi del comportamento

Nobel all’economista statunitense Richard Thaler
Il vincitore del Premio Nobel per l'economia, Richard Thaler. Insegna all'università di Chicago

È Richard H. Thaler il vincitore del premio Nobel 2017 per l'Economia. Statunitense, settantadue anni, insegna all'università di Chicago. Il premio, spiega la Royal Swedish Academy of Sciences, è stato attribuito per i suoi studi in economia comportamentale, ovvero quella branca che, impiegando concetti tratti dalla psicologia, elabora modelli di comportamento alternativi rispetto a quelli formulati dalla teoria economica standard. Thaler "ha inserito ipotesi psicologicamente realistiche nelle analisi del processo decisionale economico", si legge nella motivazione dell' Accademia Reale svedese delle Scienze in cui si sottolinea come "esplorando le conseguenze di una razionalità limitata, di preferenze sociali e di mancanza di autocontrollo" lo studioso abbia evidenziato "come questi tratti umani influenzino sistematicamente le decisioni individuali e gli esiti del mercato"

"Complessivamente, i contributi di Richard Thaler hanno costruito un ponte tra le analisi economiche e psicologiche del processo decisionale del singolo", si legge ancora nella dichiarazione dove si annuncia il premio da 9 milioni di corone svedesi (1,1 milioni di dollari).

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com