Pneumatici indistruttibili della Nasa: da Marte arrivano sulle bici. E forse sulle auto

Pneumatici indistruttibili della Nasa: da Marte arrivano sulle bici

Dai Rover sulla luna alle biciclette sulla terra: i pneumatici a base di NiTinol+ “quasi indistruttibili” della Nasa, utilizzati per i veicoli dell’Agenzia spaziale, presto potrebbero trovare applicazione sulle ruote delle bici. La Smart Tyre Company sta collaborando con gli scienziati della Nasa per adattare alle biciclette una tecnologia di quest’ultima per pneumatici, chiamata ‘Shape Memory Alloy Radial Technology’ (Smart).

Secondo le anticipazioni dell’azienda, le gomme delle bici saranno al riparo da forature e usura (sono senza aria). La società californiana intenderebbe utilizzare la tecnologia messa a punto per la commercializzazione di pneumatici ‘Martensite Elasticized Tubular Loading’ (Metl), che dovrebbero essere disponibili già dal prossimo anno. I nuovi pneumatici per bici (ma sono allo studio applicazioni anche per altri veicoli a motore), oltre alla resistenza dei loro progenitori della Nasa, offriranno un battistrada in Polyuerthanium, simile alla gomma ma in grado di garantire una maggiore trazione su tutti i tipi di terreno e con tutte le condizioni atmosferiche.

Il pneumatico Smart della Nasa, sviluppato originariamente per l’uso nelle future missioni Rover lunari e su Marte, è composto da spirali interconnesse di NiTinol+, una lega leggera di nichel e titanio. La caratteristica principale del NiTinol+, materiale molto elastico, è che dopo un impatto ritorna alla sua forma originale a livello molecolare senza perdere integrità strutturale.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com