La Russia progetta la sua Internet

Mosca progetta la sua Internet

La rete digitale globale di Internet potrebbe spezzettarsi in tante reti nazionali, con i singoli Stati che cercano di proteggere se stessi dagli attacchi informatici esterni. C'è un paese che si sta muovendo in tal senso. È la Russia che intende così preservarsi dal rischio di una futura guerra cibernetica. La Duma (Camera bassa del Parlamento) sta esaminando un disegno di legge che propone di avviare i cambiamenti tecnici necessari per operare in modo indipendente. L’idea è di garantire che i dati scambiati tra organizzazioni e cittadini russi rimangano dentro il Paese, anziché essere mandati all’estero, creando un’infrastruttura autonoma per operazioni online in Russia.

Il disegno di legge intende garantire ai fornitori di servizi Internet (Internet Service Provider, Isp) della Russia di poter continuare a operare anche nel caso in cui potenze straniere agiscano per isolare il Paese su web. Tra le misure previste anche la costruzione di una versione russa del sistema degli indirizzi dei domini (Domain Name System, Dns) in modo che possa operare senza interruzioni, in caso vengano tagliati i link ai server collocati in diversi parti del mondo. Al momento, sono 12 le organizzazioni che supervisionano i root server per il Dns e nessuna di loro si trova in Russia. Mosca punta, invece, a far passare tutto il traffico nazionale attraverso i suoi routing point.

Secondo alcuni analisti la vera intenzione non sarebbe proteggere la Russia da interferenze esterne, ma imporre al Paese un sistema di censura di massa sullo stile di quello cinese, che prova a cancellare il traffico proibito.

Fonte

Articoli correlati

L’economia è intrappolata. Mosca esce a stento dalla crisi

L’economia è intrappolata. Mosca esce a stento dalla crisi

Economia
Putin e Juncker hanno qualcosa in comune. Mosca flirta con l’euro?

Putin e Juncker hanno qualcosa in comune. Mosca flirta con l’euro?

Moneta & Mercati

Quella incontenibile fame di oro della Russia

La fame di oro da parte della Russia continua a crescere. Le riserve detenute dalla Banca centrale sono salite a 2149,25 tonnellate. Un’operazione non così complessa per Mosca visto che la Federazione è il primo produttore mondiale del metallo giallo con circa 300 tonnellate l'anno. Soltanto lo scorso anno la Banca centrale ha acquistato 275 tonnellate (pari al 40% della quantità complessiva comprata dalle banche centrali di tutto il mondo nel 2018). [continua ]

Energie & Risorse

quoted business

La svolta di Zuckerberg. Chiede aiuto ai governi: "Fb non basta, nuove regole per salvare internet"

Mark Zuckerberg prova a guardare in avanti. Con un articolo pubblicato sul Washington Post spiega la sua svolta. Occorre regolamentare la rete e farlo assieme ai governi. Una novità assoluta per il fondatore di Facebook. "Ho passato la maggior parte degli ultimi due anni a concentrarmi su problemi come contenuti dannosi, integrità elettorale e privacy. Penso che sia importante definire quali ruoli vogliamo che le aziende e i governi giochino nell'affrontare queste sfide", scrive Zuckerberg. [continua ]

Innovazione
Mosca dice addio al dollaro

La Russia dice addio al dollaro

Moneta & Mercati
Le sanzioni contro Mosca funzionano?

Le sanzioni contro la Russia funzionano?

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com