Tra l’ambiente e le auto, Bruxelles ha scelto le seconde

Tra l’ambiente e le auto, Bruxelles ha scelto le seconde

Alla fine hanno prevalso le ragioni della Germania e delle case automobilistiche. Martedì 9 ottobre, dopo una maratona di oltre tredici ore di discussioni e non meno di tre cicli di complessi negoziati, ventotto ministri dell'ambiente dell'Ue hanno fissato un obiettivo di riduzione delle emissioni delle auto del 35% entro il 2030 (rispetto al 2021), con una soglia intermedia del 15% entro il 2025. Si tratta di una voce molto meno ambiziosa di quel 40% stabilito dal Parlamento europeo lo scorso 3 ottobre. E a nulla sembra servito l’accorato monito sul cambiamento climatico lanciato dalle Nazioni Unite il giorno prima.

Eppure martedì mattina in Lussemburgo, sede della riunione, la maggioranza dei paesi membri - tra i quali, Francia, Svezia, Danimarca, Spagna, Italia, Paesi Bassi, Portogallo - chiede un taglio del 40% e mette in minoranza Austria, a capo della presidenza di turno dell'Ue, Germania e il gruppo di Visegrad (Polonia, Repubblica ceca, Slovacchia, Ungheria), oltre a Bulgaria e Romania, preoccupati per il maggiorato costo sostenuto dai consumatori per le vetture più "green".

Ma, poi, è andato in scena il ribaltone. La Germania, dove per ironia della sorte il 9 ottobre Berlino ha messo al bando i veicoli più inquinanti, ha insistito per scendere fino al 30%, salvo poi accettare il 35%. Angela Merkel ha sempre evidenziato l’importanza del settore automobilistico. E non soltanto per Berlino. L'automotive occupa 12 milioni di persone, vale il 4% del Pil dell'Ue e rappresenta il più grande investitore privato in ricerca e sviluppo con circa 54 miliardi di euro ogni anno.

L’unico problema è che le associazioni del Climate Action Network considerano l'obiettivo del 35% "incompatibile" con quello contenuto nell'Accordo di Parigi, che prevede di ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 40% entro il 2030 rispetto al 1990.

Tuttavia, come osservato dal commissario per il Clima e l'Energia, Miguel Arias Cañete, "l'Ue ha ridotto le proprie emissioni del 23% dal 1990, mentre quelle derivanti dal trasporto stradale sono aumentate di circa il 20%". Il traffico automobilistico da solo rappresenta circa il 12% di tutte le emissioni generate dai paesi dell'Ue.

Ma non è ancora detta l’ultima parola. Affinché il testo europeo discusso martedì sia definitivamente adottato, il Consiglio (gli Stati membri) deve ora trovare un "accordo" con il Parlamento europeo.

Fonte

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com