In caso di ‘Hard Brexit’ Nissan lascerà l’Europa

Piano di emergenza in caso di mancato accordo entro 11 mesi tra Regno Unito ed Ue: le fabbriche in Francia e Spagna verrebbero chiuse

In caso di ‘Hard Brexit’ Nissan lascerà l’Ue

Se Gran Bretagna e Unione europea optassero per l’hard Brexit, ovvero se entro dicembre 2020 non fosse trovato un nuovo accordo, Nissan potrebbe dire addio agli stabilimenti europei, localizzati in Spagna e Francia, e concentrarsi unicamente sulla fabbrica di Sunderland nel Regno Unito.

Secondo quanto riporta il Financial Times, la casa automobilistica giapponese avrebbe redatto un piano di emergenza che prevede il taglio della produzione europea in caso di dazi sulle importazioni di automobili dal continente.

“Abbiamo approfondito ogni possibile ramificazione della Brexit e quello che è certo è che, se venissero imposti dei dazi, mantenere la nostra attività sia nel Regno Unito che in Europa non sarebbe sostenibile”, ha detto un portavoce del Gruppo nipponico.

Fonte

Articoli correlati

Covid-19: in Italia uccide, in Germania poco (per ora). Perché?

Covid-19: in Italia uccide, in Germania poco (per ora). Dipende soltanto dai tamponi effettuati?

Life
Il Vecchio Continente si blinda

L’Europa si blinda

Life
L’Ue salva la Turchia: non è nella ‘black list’ dei paradisi fiscali

quoted business

L’Ue salva la Turchia: non è nella ‘black list’ dei paradisi fiscali

Finanza pubblica
C’era una volta l’industria italiana. Eppur (qualcosa) si muove…

C’era una volta l’industria italiana. Eppur (qualcosa) si muove…

Economia

Renault: quale futuro per l'alleanza con Nissan e Mitsubishi?

Nuovo capitolo nella saga Renault-Nissan-Mitsubishi. Il consiglio di amministrazione del Gruppo francese ha cooptato Jean-Dominique Senard, 65 anni, come nuovo direttore e lo ha eletto presidente. Amministratore delegato è Thierry Bolloré, 55 anni. È quanto si legge in una nota del produttore di auto transalpino, nella quale si precisa che il cda ha deciso di fornire a Renault una nuova struttura di governance e una divisione delle funzioni di presidente del cda e ad. [continua ]

Mobilità

Fca-Psa, la fusione che strizza l’occhio al modello tedesco

Per Marco Bentivogli, leader della Fim, “l’accordo tra Fca e Psa contiene le garanzie per tutti gli stabilimenti e la prosecuzione dei piani industriali già avviati. Ed è di grande interesse la svolta verso la partecipazione dei lavoratori”. Gli fa eco Rocco Palombella, segretario generale Uilm: “È davvero molto positivo che si preveda la presenza di due rappresentanti dei lavoratori nel board della nuova società, che nascerà dalla fusione di Fca e Psa”. [continua ]

Corporate

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com